Home Gatti Alimentazione Gatti Alimentazione del Karelian Bobtail: cibo, dosi, frequenza dei pasti

Alimentazione del Karelian Bobtail: cibo, dosi, frequenza dei pasti

Qual è l’alimentazione ideale del Karelian Bobtail? Scopriamo insieme cosa dar da mangiare al micio per mantenerlo forte e sano.

Alimentazione Karelian Bobtail
(Foto Adobe Stock)

Pianificare una dieta sana, nutriente e bilanciata per il proprio amico a quattro zampe è il primo modo per far sì che questo pelosetto viva a lungo e serenamente. Ecco qual è la migliore alimentazione per il Karelian Bobtail.

Alimentazione del Karelian Bobtail: dosi e frequenza dei pasti

Quanto e quando dare da mangiare al gatto?

Adottare Karelian Bobtail
(Foto Adobe Stock)

Si tratta di due domande importanti: individuare la dose di pappa ideale ci permetterà di soddisfare il fabbisogno nutrizionale del quattro zampe senza esporlo al rischio di accumulo di peso in eccesso.

L’ideale sarebbe rivolgersi al veterinario, affinché il professionista valuti la quantità di cibo perfetta per il pelosetto sulla base di una serie di parametri individuali, come età, peso, stile di vita e stato di salute.

In linea di massima, comunque, le dosi di cibo vanno calcolate moltiplicando 40 grammi per ogni kg di peso corporeo, così da stabilire la quantità di umido ideale.

La dose di crocchette, invece, andrà individuata dividendo la cifra ottenuta per 3.

Qual è il miglior momento della giornata in cui dare da mangiare al Karelian Bobtail?

Potremo decidere di somministrargli il cibo due volte al giorno, una al mattino e una alla sera.

Oppure, potremo suddividere la sua razione quotidiana in porzioni più piccole, da dargli nel corso della giornata.

In questo modo, manterremo costanti i suoi livelli di energia.

Potrebbe interessarti anche: Alimentazione casalinga del gatto: vantaggi, svantaggi, tabelle e ricette

Cosa dare da mangiare al gatto

Quali nutrienti non possono mancare nell’alimentazione perfetta del Karelian Bobtail?

Karelian Bobtail malattie comuni
(Foto Adobe Stock)

Essendo carnivori obbligati, i felini domestici devono necessariamente assumere proteine di origine animale, ovvero carne e pesce.

Infatti, da cibi come pollo, manzo, tacchino, spigola, tonno, salmone, il gatto trae nutrienti essenziali come niacina, tiamina e cobalamina, indispensabili per il corretto funzionamento del sistema immunitario e nervoso.

Si tratta di sostanze che il suo corpo non è in grado di produrre da sé. Per questo, assimilarle attraverso la dieta è fondamentale per evitare che il quattro zampe possa sviluppare pericolosi deficit nutrizionali.

Potrebbe interessarti anche: Niacina nel gatto: una vitamina essenziale per il benessere del micio

Alimentazione casalinga o industriale per il Karelian Bobtail?

Qual è la tipologia di alimentazione migliore per il Karelian Bobtail, quella industriale o casalinga?

Karelian Bobtail malattie comuni
(Foto Adobe Stock)

In realtà, non esiste un’opzione meglio dell’altra: entrambi sono regimi validi, purché adeguatamente pianificati.

La risposta, quindi, dipende da noi e dalle nostre abitudini: l’alimentazione casalinga richiede maggior impegno e più tempo, perché spetterà a noi acquistare le materie prime e cucinarle per il gatto.

Questa opzione, tuttavia, ci permette di selezionare ingredienti di prima scelta e di seguire ogni fase di preparazione dei pasti.

Attenzione, però: questo tipo di dieta deve essere necessariamente pianificato dal veterinario: in caso contrario, infatti, l’animale potrebbe sviluppare carenze nutrizionali anche gravi.

Vuoi scoprire tutto sulla salute del Karelian Bobtail? Consulta questo articolo per saperne di più.

In alternativa, l’alimentazione industriale prevede l’acquisto di pappe già pronte, da reperire direttamente dagli scaffali del supermercato.

In questo caso, occorrerà leggere accuratamente gli ingredienti riportati sul retro della confezione, per assicurarsi della bontà del prodotto selezionato.