Home Gatti Alimentazione Gatti Carenza da vitamine nel gatto: ecco quali sono i rischi e le...

Carenza da vitamine nel gatto: ecco quali sono i rischi e le cause

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:51
CONDIVIDI

Vedi il micio giù e vorresti dargli delle vitamine? Mai al fai da te! E’ necessario accertarsi se effettivamente si tratta di carenza da vitamine nel gatto e da cosa dipende!

Carenza da vitamina nel gatto (Foto Adobe Stock)
Carenza da vitamine nel gatto (Foto Adobe Stock)

Curare la dieta del nostro gatto è fondamentale: far sì che il suo regime alimentare sia equilibrato infatti gli assicura tutto ciò di cui ha bisogno. E’ molto importante evitare qualsiasi tipo di carenze alimentari, che potrebbero causargli grandi danni. Ovviamente il discorso vale per anche per le vitamine: ecco i pericoli legati ad un dosaggio troppo limitato.

Potrebbe interessarti anche: Errori nell’alimentazione del gatto: quali sono e come evitarli

Quali sono le vitamine essenziali per il gatto

gatto
Carenza da vitamine nel gatto (Foto Pixabay)

Le vitamine sono una componente essenziale nell’alimentazione di ogni gatto (e per la sua salute) . Ovviamente parliamo di un gruppo molto eterogeneo di questo componente alimentare: le vitamine sono tante, ed alcune sono più importanti di altre per il felino. Vediamo quali sono:

  • Vitamina A: parliamo forse della vitamina più importante per la salute del gatto. E’ presente sopratutto nel pesce (in particolare nel fegato) nel latte e nella carne bianca, soprattutto pollo. E’ fondamentale per varie componenti del corpo del felino: dalle cartilagini ai tessuti, dalle ossa agli occhi;
  • Vitamina B: E’ una sostanza che il gatto riesce ad assumere sia dalla carne che da cereali e verdura. Particolarmente benefica per la pelle ed il pelo dell’animale;
  • Vitamina C: ha una valenza fondamentale soprattutto durante lo sviluppo del gattino. Nonostante si trovi in molti alimenti, sono pochi quelli che il gatto può mangiare: tuttavia il felino la produce in maniera sufficiente a livello epatico. Ne può essere consigliata l’integrazione come antiossidante;
  • Vitamina D: anch’essa presente nel pesce (soprattutto merluzzo), latte ed uova, anch’essa ha un ruolo molto importante nello sviluppo del gatto;
  • Vitamina E: contribuisce, insieme a quella c, ad assicura una funzione antiossidante, fondamentale nella prevenzione dei tumori. E’ presente sia nella carne che in alcuni cereali.

Carenza da vitamine nel gatto

gatti e vitamina d
I sintomi legati alla carenza di vitamine nel gatto possono essere molto diversi, a seconda della sostanza mancante (Foto Adobe Stock)

Laddove il gatto presenti una carenza da vitamine, sostanzialmente le cause possono essere due: o l’alimentazione del gatto è sbagliata, oppure non riesce ad assorbire determinate sostanze a causa di una patologia. Gli effetti della carenza possono essere molto diversi, a seconda di quella che è la vitamina mancante:

  • Vitamina A: la carenza di questa sostanza può provocare danni ai tessuti, cartilagine ed ossa, così come può colpire la vista: se il gatto non ci vede bene potrebbe dipendere da questa carenza;
  • Vitamina B: in realtà esistono diverse sottocategorie di vitamine b, quindi pertanto, a seconda di quella mancante, gli effetti della carenza possono essere molto diversi l’un dall’altro. In generale determina problemi sia alla pelle del gatto che al pelo;
  • Vitamina C: I problemi legati ad una insufficiente assunzione di questa vitamina sono legati allo sviluppo del gatto; i danni possono essere molto seri in particolare se si verifica durante la prima fase di vita;
  • Vitamina D: Anche la sua carenza può determinare problemi di sviluppo nel gatto, più gravi se si presentano quando è ancora cucciolo; a lungo andare possono favorire l’insorgere di malattie cardiache nel gatto;
  • Vitamina E: La carenza di questa vitamina può determinare problemi di pelle, nonché al pelo del gatto; nei casi più gravi il felino può avere degli attacchi di febbre alta.

Potrebbe interessarti anche: Pasta al malto per gatti: quando va usata e perché

Cosa fare

Gatto e veterinario
E’ sempre fondamentale il consulto del veterinario per accertarsi se si tratta di carenza da vitamina nel gatto (Foto Adobe Stock)

I sintomi della carenza da vitamine nel gatto possono essere vari, come visto. Per questo è necessario recarsi tempestivamente dal proprio veterinario di fiducia, proprio perché si può trattare di patologie diverse. Sarà fondamentale la diagnosi del professionista per comprendere la terapia da seguire.

Laddove si tratti di un regime alimentare errato, la ricerca sarà volta a comprendere qual è l’errore commesso e quali sono gli elementi da integrare. Invece laddove il gatto non riesca ad assumere una determinata sostanza a causa di una patologia, sarà necessario intervenire con il trattamento terapeutico più opportuno.

Potrebbe essere necessario anche il ricorso agli integratori alimentari per il gatto, per coprire la carenza da vitamine.

Antonio Scaramozza