Home Gatti Alimentazione Gatti Dieta vegana per cani e gatti: moda pericolosa o sana abitudine? Cosa...

Dieta vegana per cani e gatti: moda pericolosa o sana abitudine? Cosa dice la scienza

La dieta vegana è in grado di soddisfare le esigenze nutrizionali di cani e gatti? Scopriamo insieme cosa dice la scienza a riguardo.

Cane cosa mangia
Dieta vegana o onnivora per il cane? (Canva – Amoreaquattrozampe.it)

Spesso le scelte in materia di alimentazione sono fortemente criticate per partito preso. Informarsi in maniera libera da preconcetti è fondamentale per operare delle decisioni consapevoli. La dieta vegana è adatta anche ai cani e ai gatti? Esaminiamo cosa afferma la scienza.

Dieta vegana per cani e gatti: è davvero sicura?

L’alimentazione vegana prevede l’astensione dal consumo di carne, pesce e derivati animali.

Dieta gatto
Dieta vegan o carnivora per il gatto? (Canva – Amoreauattrozampe.it)

Si tratta di un regime alimentare che può essere seguito per svariati motivi di natura etica, salutare e ambientale.

È sicuro far seguire una dieta vegana anche ai nostri cani e gatti? Una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Veterinary Sciences ha cercato di rispondere a questa domanda.

Secondo una precedente indagine, infatti, il 35% dei proprietari di pelosetti vorrebbe sottoporre ai propri pet un’alimentazione priva di carne, pesce e derivati.

Le persone, tuttavia, sono frenate dal timore che questo regime alimentare non sia in grado di soddisfare il fabbisogno nutrizionale degli animali, impattando sulla loro salute.

Del resto, il dibattito a riguardo è infuocato: c’è chi sostiene che si tratti di una vera e propria forma di maltrattamento nei confronti di cani e gatti. Cosa dice la scienza a riguardo? Ecco cosa sapere.

Potrebbe interessarti anche: Alimentazione cani e gatti: 10 falsi miti da sfatare

I risultati dello studio

I cani e i gatti sono animali carnivori. I primi sono detti carnivori facoltativi: essi possono digerire alimenti vegetali e riuscire a sopravvivere senza carne, ma potrebbero riscontrare dei problemi.

I secondi, invece, sono chiamati carnivori obbligati: l’organismo dei felini domestici, infatti, hanno bisogno dei nutrienti contenuti nella carne per svolgere correttamente tutte le funzioni volte alla sopravvivenza.

Potrebbe interessarti anche: Il gatto è un carnivoro stretto: perché si dice così? Il vero motivo

Una serie di studi precedenti aveva già esaminato la composizione del cibo vegano per cani e gatti, svelando che i nutrienti contenuti al suo interno non erano sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali degli animali.

Il rischio di carenze era analogo anche per la dieta casalinga, in cui è il proprietario a cucinare i pasti per il proprio pelosetto.

Tuttavia, i limiti delle ricerche passate erano basati sulle previsioni, e non sulle effettive misurazioni dello stato di salute dei pet che seguivano una dieta vegana.

SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE | TWITTER

Nell’esiguo numero di studi che hanno effettivamente monitorato le condizioni psicofisiche dei cani e gatti che consumavano esclusivamente pasti privi di carne, pesce e derivati, non sono state rilevate particolari condizioni patologiche o anomale cardiache, oculari e, più in generale, problemi di salute negli animali.

Al contrario, i proprietari degli animali erano a dir poco entusiasti perché sostenevano che l’alimentazione vegana aveva portato una serie di vantaggi per le condizioni di salute dei propri pet:

  • Riduzione dell’obesità;
  • Alito migliore;
  • Riduzione dello stato infiammatorio e dell’irritazione della cute.

Tuttavia, c’è da considerare il fatto che le carenze potrebbero non aver avuto il tempo di svilupparsi.

Considerando i pro e i contro dell’alimentazione vegana per i cani e i gatti, quindi, ad oggi la scienza non è ancora riuscita a pronunciarsi in maniera univoca.

Per ora, quindi, i ricercatori raccomandano cautezza: tutti coloro che alimentano i propri pet escludendo carne, pesce e derivati, dovrebbero sottoporre i quattro zampe a visite regolari dal veterinario e assicurarsi di apportare i nutrienti necessari al benessere dei pelosi, eventualmente integrando le vitamine e i sali minerali necessari.