Home Gatti Colonie feline e gatti in condominio: cosa dice la legge?

Colonie feline e gatti in condominio: cosa dice la legge?

CONDIVIDI

La Legge Quadro 281/91 disciplina in modo ben preciso le colonie feline e protegge i gatti in condominio: vediamo più nel dettaglio in che modo.

colonia felina gatti in condominio

La definizione normativa di colonia felina è stata data per la prima volta dalla Legge Quadro 281/92: secondo questa legge, una colonia felina è un gruppo di gatti, composto da almeno due esemplari, che frequenta abitualmente un determinato luogo.

L’habitat della colonia felina può essere un territorio edificato o meno, pubblico o privato: la legge tutela i gatti e le colonie feline che vivono anche nelle aree private condominiali, che possono permanere in cortili, garage e giardini e vanno tenuti sotto controllo in termini numerici (grazie alla sterilizzazione degli esemplari).

Naturalmente, la legge prevede la possibilità di provvedere al nutrimento delle colonie feline e dei gatti in condominio a patto che si rispettino le norme igieniche fondamentali. Inoltre, la legislazione italiana prevede delle norme anche rispetto a chi si prende cura dei gatti randagi e delle colonie feline in condominio: scopriamole insieme.

Cura delle colonie feline: i gattari in condominio

cattura gatti
(Pixabay)

Secondo la legge italiana, adoperarsi per la cura e il sostentamento delle colonie feline è un’attività benemerita e per questo motivo il gattaro deve avere accesso a tutte le aree di proprietà pubblica e privata ad uso pubblico per preoccuparsi dell’alimentazione dei gatti. Naturalmente, in caso di aree private, bisogna chiedere prima il permesso al proprietario.

A stabilire chi debba registrare e curare le colonie feline sono i regolamenti comunali: in alcuni casi, queste attività possono essere affidate a dingoli cittadini mentre in altri casi solo ad associazioni animaliste regolarmente registrate. Una cosa utile da fare, se vuoi prenderti cura ufficialmente di una colonia di gatti nel tuo condominio è rivolgersi alla propria ASL vetrinaria di riferimento e compilare i moduli per ufficializzare la colonia in questione.

Nel momento in cui una colonia felina è ufficializzata all’ASL, sarà poi necessario organizzarsi per far sterilizzare i gatti (servizio offerto gratuitamente o a prezzi estremamente vantaggiosi).
Inoltre, nei Comuni dove ciò è permesso, potrai rivolgerti a mense scolastiche e comunali per ritirare gli avanzi alimentari, con cui cibare i gatti (previa autorizzazione da parte dell’Amministrazione Comunale).

Infine, è consigliabile preparare un volantino informativo da collocare in prossimità dell’habitat della colonia, in cui indicare anche e soprattutto i riferimenti normativi che regolano la materia specifica e più in generale il maltrattamento animali.

Delibere condominiali di allontamento: sono legittime?

 

In alcuni casi, i condomini emanano delle delibere che impongono l’allontamento della colonia felina sulla base di una richiesta specifica proveniente dai condomini. Questo tipo di delibera condominiale è legittima? Secondo la legge, lo è a patto di non violare le norme previste a tutela dei gatti randagi. Inoltre, deve esserci un motivo valido per predisporre l’allontanamento.

Ma cosa dice la legge rispetto alle delibere condominiali di allontanamento dei gatti? I punti essenziali sono 3:

– Se la delibera vuole far allontanare o addirittura sopprimere i gatti per pregiudizio (assenza di malattie gravi e incurabili o di situazioni di rischio per la salute e l’igiene pubblica), è illegittima.
– Se i gatti iniziano a costituire un danno per i beni condominiali o dei singoli, l’assemblea condominiale può predisporre delle soluzioni e dei provvedimenti che siano rispettose del “sentimento di amore per gli animali”.
– Se la richiesta di allontanamento della colonia felina è basata su motivi di sicurezza della salute pubblica, la delibera condominiale è legittima se ci sono accertamenti da parte del servizio veterinario ASL a comprovarla.

Potrebbe interessarti anche >>> Gatto randagio: come comportarsi? Dall’identificazione all’adozione

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI