Home Gatti Differenza tra Serengeti e Bengala: come distinguere le due razze

Differenza tra Serengeti e Bengala: come distinguere le due razze

Il gatto del Bengala e il Serengeti sono due mici simili tra loro, ma non uguali: impariamo a scovare la differenza tra le due razze feline.

differenza-serengeti-(1)_optimized
(Foto Adobe Stock)

Questi quattro zampe hanno molto in comune, complice anche la parentela che li lega. Scopriamo tutte le caratteristiche condivise dal Serengeti e dal Bengala, per poi esplorare la differenza tra questi due mici.

Similarità tra le due razze

Prima di capire in cosa consiste la differenza tra i due gatti, elenchiamo tutti i tratti in comune tra Serengeti e Bengala.

alimentazione-serengeti-(1)_optimized
Esemplare di Serengeti (Foto Adobe Stock)

Come accennato, le due razze feline sono parenti. Infatti, il Serengeti ha avuto origine dall’incrocio tra Bengala e Oriental Shorthair.

Ciò ha fatto sì che il pelosetto ereditasse dal suo progenitore la taglia: entrambi i gatti hanno un peso compreso tra i 4 e i 7 kg.

Il loro fisico è statuario: longilineo ed elegante, conferisce loro una incredibile agilità.

Anche dal punto di vista caratteriale non mancano degli elementi in comune tra le due razze.

Entrambi i mici sono vispi e curiosi. La loro indole intraprendente li predispone ad allontanarsi dal loro territorio, per dedicarsi ad avvincenti esplorazioni.

Per questo, se i gatti hanno accesso all’esterno, è indispensabile che la zona sia recintata e posta in sicurezza.

Dolci, affettuosi e chiacchierini, questi quattro zampe sono dei compagni di giochi e di coccole ideali per i più piccoli. Entrambi, infatti, vanno perfettamente d’accordo con i bambini.

Inoltre, la loro adozione è consigliata anche a chi trascorre alcune ore fuori casa. I due pelosetti risultano autonomi e indipendenti. Per questo, non soffrono la solitudine.

Potrebbe interessarti anche: Differenza tra Sokoke e gatto del Bengala: come distinguere le due razze

Differenza tra Serengeti e Bengala

Non ci resta che scoprire qual è la differenza tra Serengeti e Bengala.

differenza-ashera-bengala_optimized
Esemplare di gatto del Bengala (Foto Adobe Stock)

In primo luogo, sebbene i due mici siano parenti, hanno origini ben diverse.

Dato che sappiamo da dove proviene il Serengeti, non ci resta che scoprire la storia del Bengala.

Questa razza felina è stata creata in laboratorio, con il proposito di dar vita a un animale dall’aspetto selvatico e dal carattere mansueto.

Per questo, il primo allevatore del Bengala ha incrociato esemplari domestici con felini selvatici. da qui deriva il particolare soprannome del pelosetto: gatto leopardato.

Da ciò deriva anche il differente costo degli esemplari. Il Serengeti, infatti, ha un prezzo compreso tra i 600 e i 2.000 euro.

Un esemplare di Bengala, invece, può costare fino a 10.000 euro.

Potrebbe interessarti anche: Adottare un Bengala: quali sono i motivi e qual è il proprietario ideale

Un’ulteriore differenza tra Bengala e Serengeti, che li rende distinguibili a colpo d’occhio, è il manto.

Il gatto leopardato, infatti, è avvolto da una pelliccia ricoperta da macchie, che a seconda della loro forma può dar vita a quattro varianti diverse.

Il mantello del Serengeti, invece, è maculato e può assumere colorazioni come argento, grigio e oro.

Infine, mentre il Bengala va d’accordo con i cani ma solo con i felini domestici appartenenti alla sua stessa razza, il suo discendente è compatibile con qualsiasi altro pelosetto.

Se hai una predilezione per l’incrocio tra il felino leopardato e l’Oriental Shorthair, consulta questo articolo con tutte le informazioni da conoscere prima di adottare un gatto Serengeti.