Home Gatti Differenza tra Sokoke e gatto del Bengala: come distinguere le due razze

Differenza tra Sokoke e gatto del Bengala: come distinguere le due razze

Simili, eppure appartenenti a due razze feline ben diverse: ecco in cosa consiste la differenza tra Sokoke e gatto del Bengala.

differenza-sokoke-bengala_optimized
Esemplare di Sokoke (Foto Instagram)

Ci sono alcune razze di felini domestici incredibilmente somiglianti ad animali selvatici. Il loro aspetto selvaggio, tuttavia, è in contrasto con un carattere estremamente dolce e docile. Sokoke e Bengala rientrano tra queste: conosciamo meglio i due mici per scoprire la differenza tra i due.

Similarità tra le due razze

Prima di esplorare la differenza tra Sokoke e Bengala, scopriamo quali aspetti in comune condividono i due felini.

sokoke gatto
Esemplare di Sokoke (Foto Adobe Stock)

In primis, entrambi i mici hanno un aspetto simile, che ricorda quello di un felino selvatico.

Tutto merito del motivo particolare della loro pelliccia, che in entrambi i casi risulta corta, lucida e ben aderente al corpo.

Anche dal punto di vista della stazza i due mici hanno molto in comune: entrambi sono di taglia media e hanno un peso medio di 6-7 kg.

Attenzione alle basse temperature: visto il mantello corto, sia Sokoke che Bengala tendono a soffrire il freddo.

Molto meglio, per loro, un ambiente dal clima caldo temperato. Dal punto di vista caratteriale non mancano similarità tra i felini.

Entrambi i mici sono autonomi e indipendenti. Per questo, tollerano bene i momenti di assenza della propria famiglia umana, senza soffrire la solitudine.

Adottare uno di questi due gatti è consigliato non solo a chi si assenta per qualche ora dalla propria abitazione, ma anche alle famiglie con bambini.

Sokoke e gatto del Bengala, infatti, vanno d’accordo con i più piccoli, a patto che si stabilisca una reciproca relazione di affetto e rispetto.

Dal carattere intraprendente, questi felini giocosi, vispi e curiosi possono allontanarsi da casa.

Per questo, è indispensabile che il loro habitat sia adeguatamente recintato e posto in sicurezza.

Infine, un’ulteriore similarità tra le due razze riguarda la loro tendenza ad ingrassare: attenzione alle dosi di cibo somministrate ai pelosetti, che dovrebbero soddisfare il loro fabbisogno energetico senza rischiare di accumulare peso in eccesso.

Potrebbe interessarti anche: Differenza tra Toyger e Bengala: come distinguere le due razze

Differenza tra Sokoke e gatto del Bengala

Infine, dopo aver esplorato i punti in comune condivisi da Sokoke e Bengala, non ci resta che scoprire qual è la differenza tra le due razze feline.

Gatto in posa (Foto Instagram)
Esemplare di gatto del Bengala (Foto Instagram)

Sebbene fisicamente i due mici si somiglino molto, in realtà è possibile distinguerli a colpo d’occhio in base ad alcune caratteristiche del mantello.

Il pelo del Sokoke, infatti, piccole striature su testa e guance, macchioline sul ventre e anelli sulla coda.

Inoltre, a partire dalle scapole del gatto si dirama un motivo a forma di farfalla, con strisce parallele che si allungano fino alla base della coda dell’animale.

Il gatto del Bengala, invece, è avvolto da una pelliccia costellata di macchie, incredibilmente simili a quelle del leopardo.

Potrebbe interessarti anche: Adottare un Bengala: quali sono i motivi e qual è il proprietario ideale

A seconda della varietà, gli esemplari di questa razza possono quattro diversi disegni della pelliccia, che dipendono dalla forma delle macchie: a punta di freccia, a ciambella, aperte e bicolori.

Un’ulteriore differenza tra Sokoke e Bengala riguarda le origini di questi quattro zampe.

Il primo è originario del Kenya, e per questo è anche noto come African Shorthair.

Il secondo, invece, è stato selezionato in laboratorio, a partire dall’accoppiamento tra un micio domestico e un felino selvatico, il leopardo del Bengala.

Anche la diffusione delle razze è ben diversa: il Sokoke è un gatto raro e poco conosciuto. Per tale ragione, non sono note particolari malattie ereditarie che lo affliggono.

Il Bengala, invece, ben più famoso e conosciuto, può essere colpito da patologie genetiche come cardiomiopatia ipertrofica, lussazione della rotula e anemia cronica.

Tra i due mici hai una predilezione per l’African Shorthair? Allora non perderti questo articolo con tutte le informazioni da conoscere prima di adottare un Sokoke.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.