Home Gatti Il gatto nell’anagrafe degli animali d’affezione in Friuli Venezia Giulia: la disciplina...

Il gatto nell’anagrafe degli animali d’affezione in Friuli Venezia Giulia: la disciplina regionale

L’iscrizione del gatto nel registro dell’Anagrafe degli animali d’affezione in Friuli Venezia Giulia è obbligatoria? Cosa dice la legge regionale?

Il gatto nell'anagrafe degli animali d'affezione in Friuli Venezia Giulia
(Foto Adobe Stock)

Non in tutte le Regioni italiane è obbligatorio identificare il felino a mezzo microchip. Gli enti territoriali, ricorrendo alla propria potestà legislativa, statuiscono sul punto. Scopriamo se in Friuli Venezia Giulia l’iscrizione del gatto nel registro dell’Anagrafe degli animali d’affezione è obbligatoria oppure se è lasciata alla discrezionalità del proprietario dell’animale.

L’importanza del microchip

Perché è così importante mettere il microchip al proprio amico a quattro zampe? Perché la legge ne prevede l’obbligo solo per il cane?

Lettore microchip gatto (Foto Adobe Stock)
(Foto Adobe Stock)

Partiamo dal primo punto. Come noto, il microchip è un dispositivo elettronico, contrassegnato da un codice numerico composto da 15 cifre, correlato univocamente alle identità del felino e del proprietario.

Risulta facile comprendere quanto possa essere utile nell’ipotesi di smarrimento del gatto; consentirebbe al soccorritore di risalire con estrema facilità alla persona che si prende cura dell’animale. Basta leggere il chip con apposito lettore, rivolgersi alla pulizia municipale o a qualsiasi veterinario.

Inoltre la tracciabilità assicurata dal microchip disincentiva i malintenzionati dal commettere il reato di abbandono di animali.

Per ciò che concerne invece il secondo punto, è il Legislatore ad aver statuito l’obbligo del microchip al cane. Il gatto, invece, viene qualificato come animale libero di vivere per strada nel luogo che ha scelto come proprio territorio. La scelta se registrarlo o meno è lasciata al proprietario.

Potrebbe interessarti anche: Anagrafe canina Friuli Venezia Giulia: la disciplina regionale in materia di animali d’affezione

Il gatto nell’Anagrafe del Friuli Venezia Giulia

Invero va ricordato che la disciplina in materia di animali d’affezione prevede che siano le Regioni ad attuare i principi fondamentali della Legge quadro n. 281 del 1991 (in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo).

E' obbligatorio mettere il microchip al gatto? (Foto Adobe Stock)
(Foto Adobe Stock)

Alcune di esse hanno introdotto l’obbligo di iscrivere il gatto nel registro dell’anagrafe degli animali d’affezione; tra esse si annovera anche il Friuli Venezia Giulia?

La Regione a statuto speciale non ha introdotto uno specifico obbligo generalizzato; nella normativa di riferimento, la L. R. n. 20 del 2012, solo il cane va necessariamente iscritto nell’apposito registro.

Potrebbe interessarti anche: Microchip obbligatorio per i gatti in Lombardia: cosa stabilisce la disciplina regionale

Con l’art 29 (del capo V della suddetta normativa) è stata istituita, all’interno dell’anagrafe canina, l’anagrafe degli animali di affezione diversi dai cani. Le modalità di identificazione sono le medesime utilizzate per Fido (dunque a mezzo microchip), salvo non sia consentito dalle caratteristiche etologiche dell’animale.

La registrazione avviene su base volontaria, salvo i casi in cui invece risulta obbligatoria, ovvero

  • per i gatti delle colonie feline al momento della sterilizzazione
  • per la cessione di proprietà, onerosa o meno che sia
  • per i viaggi all’estero, quando è necessario il rilascio del passaporto del gatto.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Antonio Scaramozza