Home Gatti Come capire se il gatto è arrabbiato: i segnali inequivocabili

Come capire se il gatto è arrabbiato: i segnali inequivocabili

CONDIVIDI

Sai riconoscere un gatto arrabbiato? I segnali e i comportamenti del linguaggio del corpo felino a cui prestare attenzione.

gatto arrabbiato linguaggio del corpo
Gatto arrabbiato – Fonte iStock Photo

A volte, i gatti sembrano esseri totalmente avvolti nel mistero: ti fanno le fusa e pensi che sia un modo per dimostrarti il loro affetto, quando in realtà sono molto arrabbiati con te!
Se hai un gatto o stai pensando di adottarne uno, è importante che tu impari a riconoscere i suoi stati d’animo per sapere come approcciarti a lui.

Anche se a volte il gatto assume dei comportamenti in apparenza strani e contraddittori, in realtà se impari a conoscere i segnali e i comportamenti tipici del linguaggio del corpo felino sarà molto semplice capire se il tuo gatto è arrabbiato, spaventato o altro e comportarti di conseguenza nel modo migliore.

In questo articolo, ti elenchiamo alcuni comportamenti e segnali tipici del gatto arrabbiato, che ti aiuteranno a riconoscere il suo stato d’animo anche quando apparentemente non sembra possibile comprenderlo.

Gatto arrabbiato: come riconoscerlo?

come capire se il gatto è arrabbiato
Gatto arrabbiato – Fonte iStock Photo

Se il gatto ti guarda da lontano

A volte è difficile capire perché un gatto tiene le distanze, ma se normalmente il tuo micio è di indole allegra e giocherellona e improvvisamente si tiene lontano è probabile che sia spaventato o ansioso. Lascialo in pace e tornerà da te quando si sentirà pronto a farlo.

Il gatto arrabbiato ringhia?

Proprio come accade con i cani, anche i gatti ringhiano per segnalare il loro dispiacere. In questi casi, lascia che si prenda il tempo che gli serve per metabolizzare e pian piano avvicinati a lui con comportamenti positivi, come dargli da mangiare o giocare con lui.

Potrebbe interessarti anche >>> Il cane ringhia: significato e rimedi

Quando i gatti parlano con gli occhi

Spesso lo sguardo di un gatto dice più di mille parole: se subiscono dei cambiamenti rispetto alla loro abituale routine, possono arrabbiarsi e comunicarlo con gli occhi. In alcuni casi, basta dargli da mangiare più tardi del solito per beccarsi un’occhiataccia!

paura dell'acqua nel gatto
Gatto arrabbiato in vasca da bagno

Gatti e valigie, un rapporto impossibile

Il gatto sa bene quando ti prepari a lasciarlo da solo e se inizi a preparare i bagagli noterai ben presto che micio diventa irritabile. Per evitare di ritrovarti con un gatto arrabbiato al rientro, lascia una maglietta nella sua cuccia in modo che possa sentire il tuo odore.

Il gatto arrabbiato rifiuta i giocattoli

A volte i giocattoli possono diventare una fonte di irritazione per i gatti, perchè tendono ad annoiarsi quando giocano sempre con gli stessi oggetti. Probabilmente il gatto inizierà a rifiutare il suo giocattolo preferito per noia, perchè per natura i felini sono cacciatori e amano avere sempre nuovi stimoli.

Se si nasconde sotto al divano

Come capita per alcuni cani che si nascondono sotto al letto, anche il gatto se è infelice o spaventato tende a nascondersi sotto divani, letti e mobili: anche se il primo istinto è quello di tirarlo fuori, cerca di resistere. I gatti hanno bisogno del loro tempo per socializzare e se li costringi troppo presto potrebbero reagire in maniera aggressiva.

gatto arrabbiato
Gatto arrabbiato

Aiuto, il gatto è impazzito!

Se il gatto assume una posizione in cui ha la schiena arcuata, il pelo arruffato e la coda gonfia significa che è arrabbiato: questa postura gli consente di sembrare più grande e la sceglie quando vuole intimidire il nemico. Evita assolutamente di forzare il contatto quando il tuo amico a quattro zampe è in questa posizione.

Se appiattisce le orecchie

Nel linguaggio felino, anche la posizione delle orecchie riveste un ruolo fondamentale: se sono appiattite contro la testa e leggermente sporgenti (sembrano quasi le ali di un aeroplano) vuol dire che il gatto è davvero sconvolto!
Non c’è troppo da preoccuparsi, ma è fondamentale mantenere le distanze perchè è una postura difensiva che può sfociare in una vera e propria aggressione.

Il gatto fa la cacca sul cuscino

Se il gatto fa i bisogni sul cuscino o in generale sul letto del padrone, non è arrabbiato ma sta lanciando un chiaro segnale di ansia da separazione: il gesto di fare la cacca proprio lì è un modo per cercare di calmarsi.

Potrebbe interessarti anche >>> Come insegnare al gatto a fare i bisogni nel WC

C.B.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI