Home Gatti Inerzia uterina primaria nella gatta: che cos’è, sintomi e rimedi

Inerzia uterina primaria nella gatta: che cos’è, sintomi e rimedi

L’inerzia uterina primaria è una delle complicazioni che possono sorgere durante il parto della gatta: scopriamo insieme di cosa si tratta.

Inerzia uterina primaria nella gatta
(Foto Adobe Stock)

Il parto è un momento molto delicato nella vita di ogni animale. Sono varie, purtroppo, le complicazioni che possono sorgere durante il travaglio. Una di esse è l’inerzia uterina primaria, che può avere perfino esito fatale per la gatta. Anche per questo motivo è fondamentale imparare a riconoscerne i sintomi in tempo utile. Scopriamo di quali si tratta.

Il parto difficile: i vari tipi di distocia

Di parto si muore ancora oggi. E se questo vale per le donne (nonostante i passi da gigante compiuti dalla medicina nell’ultimo secolo), vale ancor di più per i nostri amici a quattro zampe.

Inerzia uterina secondaria nella gatta
(Foto Adobe Stock)

D’altronde, di norma, essi partoriscono da soli, senza alcuna assistenza. Ma proprio perché possono sorgere delle complicanze, che purtroppo spesso hanno esito fatale, è bene vigilare sul nostro pelosetto nelle varie fasi di un momento così delicato.

Il parto difficile, in termini tecnici è conosciuto come distocia, e ve ne sono vari tipi. Di norma si distinguono 3 forme:

  • Materna
  • Fetale
  • Placentare

La prima è la più frequente, avendo un’incidenza superiore alla metà. Tra le cause più comuni della distocia nella gatta, si annoverano sia l’inerzia uterina prima che secondaria. Particolarmente soggette al parto difficile sono le razze più piccole e quelle brachicefale, come il Persiano.

Potrebbe interessarti anche: Inerzia uterina secondaria nella gatta: che cos’è, sintomi e rimedi

Inerzia uterina primaria nella gatta: i sintomi

L’inerzia uterina primaria si sostanzia nell’incapacità della gatta di espellere i feti attraverso il canale del parto a causa di un’insufficiente dilatazione della cervice. Questa può essere dovuta a varie cause.

Gattini da soli
(Foto Pixabay)

La cervice può non essere sufficientemente dilatata a causa di una conformazione anatomica anomala; o ancora per cause genetiche od ormonali.

Non è difficile comprendere che la gatta stia affrontando un’inerzia uterina primaria, o che comunque stia avendo un parto difficile. Anche chi non abbia particolare esperienza con gli animali d’affezione, sarà in grado di accorgersi del momento in cui iniziano le contrazioni più vigorose.

Potrebbe interessarti anche: Gattini appena nati: come comportarsi nei loro primi momenti di vita

Se ad esse non segue l’espulsione di nessun feto (fermo restando che il problema si può presentare anche durante il parto, e dunque dopo che la gatta abbia partorito almeno un cucciolo) allora siamo di fronte ad un’inerzia uterina primaria.

Da prestare attenzione anche alla presenza di eventuali scoli vaginali anomali. Una volta riscontrati i suddetti sintomi, è bene allertare immediatamente il proprio veterinario di fiducia, trasportando l’animale presso il suo studio privato.

Da escludere la visita a domicilio, perché farebbe perdere ulteriore tempo. In presenza di una complicazione, il veterinario non potrebbe comunque operare l’animale, che andrebbe dunque trasportato presso il suo studio; meglio essere previdenti.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

A. S.