Home Gatti La sterilizzazione del gatto: perché farlo e come affrontare l’operazione

La sterilizzazione del gatto: perché farlo e come affrontare l’operazione

CONDIVIDI

dormire gatto

Per molti la sterilizzazione è una violenza che infliggiamo all’animale, privandolo della sua natura, per cui vi sono differenti scuole di pensiero. Tuttavia, oltre a contenere il fenomeno della sovrappopolazione di alcune specie, così come il fenomeno degli abbandoni, la sterilizzazione influisce anche sulla salute e sull’organismo dell’animale, casomai proteggendolo da possibili insorgenze di malattie collegate agli organi intimi, nel caso in cui l’animale non sterilizzato non si riproduca
Alcune specie, come i nostri adorati gatti, tendono anche a riprodursi più volte nell’arco dell’anno, facendo cucciolate piuttosto cospicue per cui si rivelerà difficile gestire l’aumento esponenziale del numero dei micetti, in un dato quartiere di una città oppure anche solo in una casa privata. Ecco che allora si crea il caos e inizia l’avventura per poter trovare qualcuno che desidera un bel cucciolone pelosino…
Spesso non è facile e così molti animali sono lasciati in balia del loro destino e vanno incontro ad una vita incerta, in quanto, come sottolineano gli esperti, il gatto è ormai entrato nella categoria di animale domestico per cui non esiste più il suo ecosistema in natura per nutrirsi in modo autonomo e non ci sono più i predatori che ne regolano la riproduzione. Non è un caso, che ad esempio, proprio quest’anno in Australia, il governo ha approvato una strategia per combattere il sovrappopolamento dei gatti che sono diventati selvatici, per cui nei prossimi cinque anni saranno da abbattere ben 2 milioni di felini domestici nel territorio australiano per mantenere un equilibrio nell’ecosistema.

Ecco allora i motivi per cui sterilizzare il vostro gatto e quando farlo, clicca successiva