Home Gatti Nasce il primo Gatto-Parco d’Italia

Nasce il primo Gatto-Parco d’Italia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:42
CONDIVIDI
@Getty images
@Getty images

 

A Milano sorgerà il primo Gatto-parco d’Italia. E’ il progetto approvato dal Comune della città che intende bonificare e ripristinare un’area dismessa e abbandonata che ospita tra l’altro due palazzine storiche tra via Barsanti, via Autari e Ripa di Porta Ticinese.

Il progetto di riqualificazione oltre alla creazione di un nuovo quartiere residenziale, prevede l’allestimento di spazi riservati ai ciclisti e ai pedoni, nonché la bonifica di un’area verde di 6.400 metri quadrati adiacente al parco Baden Powell. Secondo le indiscrezioni trapelate dal Consiglio di Zona 6 in quello spazio dovrebbe nascere un giardino dove sarà sviluppato un progetto sperimentale gestito dall’associazione “Gatto viziato” per offrire servizi e sostegno ai gatti del quartiere e dove, “i gatti domestici – che di solito sono costretti a vivere in uno spazio chiuso – accompagnati dai loro padroni, potranno correre, giocare e saltare in spazi recintati a prova di fuga”.

“Gli spazi pubblici, vero tessuto connettivo per la città e preziosa infrastruttura per le comunità, hanno bisogno di funzioni che siano qualificanti. In questa direzione, abbiamo lavorato insieme alle associazioni del quartiere pensando a nuovi servizi legati al mondo della bicicletta e al primo parco dedicato ai gatti”, ha dichiarato  aggiunge Gabriele Rabaiotti, presidente del Consiglio di Zona 6, sottolineando che nasce da un’iniziativa voluta dai cittadini.

Patrizia Peletti, presidente dell’associazione Gatto viziato, ha assicurato che l’area dovrebbe essere bonificata entro il mese di aprile, dopodiché sarà possibile allestire il gattoparco.

Il progetto prevede una rete esterna, un doppio cancello, ma anche recinti più piccoli, per delimitare delle aree dove i padroni potranno andare a giocare con il loro gatto: “Stiamo ancora studiando che cosa potremo inserire nello spazio”, ha sottolineato la Peletti, spiegando che probabilmente ci saranno create anche delle istallazioni dove far arrampicare i gatti.

La Peletti ha poi tenuto a ricordare che non sarà solo un’area riservata ai proprietari dei gatti, ma sarà aperta a coloro che li amano e che intendono approcciarsi ai felini domestici.