Home Gatti Razze di gatti Gatto Kanaani: prezzo, storia, curiosità, cuccioli, salute, alimentazione

Gatto Kanaani: prezzo, storia, curiosità, cuccioli, salute, alimentazione

Scheda completa sul gatto Kanaani: ecco tutto quello che c’è da sapere su questa razza sperimentale originaria della Germania.

gatto kanaani
(Foto Pinterest @Tiposdegatos)

Il Kanaani è un gatto raro e poco conosciuto. Esploriamo il misterioso universo felino di questo pelosetto, svelando tutte le informazioni che lo riguardano. Da riproduzione e cura del micio, passando per la storia della razza, scopriamo tutto sul suo conto.

Informazioni generali sulla razza

Iniziamo le presentazioni con il gatto Kanaani elencando una serie di informazioni generali su questa razza felina.

gatto kanaani
(Foto Pinterest)
  • Soprannome: gatto mediorientale
  • Origine: Gerusalemme
  • Vita media: 12-15 anni
  • Dimensioni: medio-grandi
  • Peso: 4-8 kg
  • Anallergico: no
  • Tendenza a fuggire: sì
  • Tendenza ad ingrassare: no
  • Tendenza a miagolare: no
  • Tendenza a soffrire la solitudine: no
  • Clima: caldo temperato
  • Compatibile con bambini: sì
  • Compatibile con altri animali: sì

Quanto costa un gatto Kanaani

Ti piacerebbe accogliere nella tua casa un esemplare di questa razza?

Il costo del gatto Kanaani è compreso tra gli 800 e i 1200 euro. La cifra precisa varia a seconda di una serie di fattori come età, sesso del micio e allevamento cui ci si rivolge.

Habitat e stile di vita ideale

Il Kanaani è un gatto incredibilmente energico, vispo e attivo. Per questo, è fondamentale che la sua routine sia adeguatamente stimolante.

L’habitat ideale di questo pelosetto dovrebbe offrirgli tutti gli accessori necessari per soddisfare i suoi bisogni etologici: mensole e percorsi rialzati, giocattoli, tunnel, tiragraffi, cuscini e cuccette.

Se si dispone di uno spazio esterno, come un balcone o un giardino, è fondamentale che l’animale vi abbia accesso solo se adeguatamente posto in sicurezza.

Infatti, si tratta di un quattro zampe estremamente curioso, che potrebbe allontanarsi da casa alla volta di avventure ed esplorazioni, in cui rischierebbe di mettersi in pericolo.

Adottare un gatto Kanaani è consigliato a famiglie con bambini e altri animali, oltre che a chi trascorre alcune ore fuori casa, vista la sua indipendenza.

Al contrario, potrebbe non rivelarsi il pelosetto giusto per le persone anziane, vista la sua estrosità e inesauribile energia.

Origini e storia della razza

Da dove viene il Kanaani e quali tappe hanno caratterizzato la storia di questo gatto? Scopriamolo insieme.

gatto kanaani
(Foto Pinterest @PetsPoint.ru)

Questa razza è stata creata in Germania alla fine degli anni ’90 e ad oggi ancora ritenuta sperimentale.

Stando ad alcuni, comunque, la prima provenienza geografica di questo micio sarebbe il Medio Oriente.

Aspetto e caratteristiche fisiche

Non c’è dubbio: l’aspetto del gatto Kanaani è davvero magnetico. Ecco cosa sapere sulle peculiarità fisiche di questo felino.

gatto kanaani
(Foto Pinterest @Cybercat.ch)

Corpo

Gli esemplari di questa razza sono di taglia medio-grande, con un peso tra i 4 e gli 8 kg.

Il corpo atletico e muscoloso presenta un peculiare collo lungo e affusolato. La coda del micio è lunga e spessa, e tende ad assottigliarsi verso l’estremità.

Testa

La testa del gatto Kanaani è di dimensioni medie, a forma di triangolo e con gli zigomi sporgenti. Dal capo spuntano due grandi orecchie appuntite.

Gli occhi grandi, leggermente a mandorla, hanno un’espressione acuta e sagace.

La tonalità delle iridi del quattro zampe è esclusivamente verde. Sono consentite anche sfumature di giallo, purché il colore di base sia rispettato.

Manto

Il gatto Kanaani è avvolto da una pelliccia di lunghezza ridotta e di consistenza mediamente ispida.

Il disegno del mantello può essere tabby spotted o blotched tabby, mentre il silver non è accettato.

Zampe

Le zampe di questo micio sono lunghe e muscolose. Alle estremità, il gatto Kanaani presenta piedini piccoli e ovali.

Carattere del gatto Kanaani

Il gatto Kanaani ha un temperamento davvero unico: pronti a scoprire tutto sul suo carattere?

(Foto Pinterest @Dojacatmeme)

Questo micio ha un’indole affettuosa nei confronti della sua famiglia umana, verso la quale si rivela estremamente leale e fedele.

Amante delle coccole e del relax, non è sprovvisto di un lato più peperino, che lo rende non solo autonomo e autosufficiente, ma anche incredibilmente vivace e giocherellone.

Compatibilità con bambini e altri animali

Curioso, vispo e tenero, il gatto Kanaani può rivelarsi un perfetto compagno di giochi per i più piccoli, a patto che si instauri una relazione reciproca di rispetto ed empatia.

Allo stesso modo, l’indole socievole e amichevole del micio fa sì che sia adatto alla convivenza con altri pelosetti, siano essi cani o esemplari della sua stessa specie.

Salute e cura del gatto Kanaani

Gli esemplari di questa razza sono di robusta costituzione e tendono a godere di buona salute.

Errore del veterinario nell'intervento chirurgico al gatto
(Foto Adobe Stock)

La loro durata di vita media è compresa tra i 12 e i 15 anni.

Trattandosi di una razza sperimentale ad oggi poco diffusa e scarsamente conosciuta, non sono state rilevate particolari malattie comuni nel gatto Kanaani, che si trasmettono per via ereditaria da una generazione all’altra.

In ogni caso, poiché nelle linee di sangue di questo micio c’è il Bengala, il quattro zampe potrebbe risultare predisposto all’insorgenza della cardiomiopatia ipertrofica e a disturbi gastrointestinali.

Come prendersi cura al meglio del gatto Kanaani? È sufficiente spazzolarlo 2-3 volte a settimana, con una spazzola dalle setole lunghe e morbide.

Alimentazione ideale

Qual è l’alimentazione ideale del Kanaani, per far sì che questo micio sia sempre in forze e in piena salute?

Cibo secco
(Foto Pixabay)

Questi pelosetti potrebbero ereditare la delicatezza di stomaco dai propri progenitori, i Bengala.

A maggior ragione è fondamentale fornire loro esclusivamente cibo per gatti, evitando di somministrare avanzi e alimenti destinati al consumo umano.

Trattandosi di carnivori obbligati, la loro dieta deve essere principalmente basata sull’apporto di proteine di origine animale.

Attenzione alle dosi di pappa: poiché il Kanaani è un gatto molto attivo e vivace, è fondamentale che le quantità giornaliere soddisfino pienamente il fabbisogno energetico di questo felino.

Riproduzione e cuccioli

Ti piacerebbe far accoppiare il tuo gatto Kanaani? Ecco cosa sapere su riproduzione e cuccioli della razza.

gatto kanaani
(Foto Pinterest @PetsGuide.com)

Gli esemplari di questa razza hanno una gestazione compresa tra i 63 e i 68 giorni, al termine dei quali vengono alla luce 2-4 cuccioli.

I gattini raggiungono le dimensioni adulte intorno al primo anno di vita.

Nomi per il tuo gatto Kanaani

Hai deciso: vuoi accogliere nella tua casa e nel tuo cuore un esemplare di questa razza. Bene, allora non rimane che scegliere il nome davvero perfetto per il gatto Kanaani appena arrivato.

nomi per il tuo
(Foto Pixabay)

Sei in cerca di idee e suggerimenti? Non lasciarti sfuggire questo articolo, con più di 6500 nomi di gatto femmina e maschio.

Come operare una scrematura delle proposte, rimanendo certi che i migliori appellativi non vengano scartati?

Il miglior consiglio è puntare su una particolarità che rende davvero speciale il tuo amico a quattro zampe, riflettendo la sua unicità attraverso il nome prescelto.

Sarebbe preferibile prediligere appellativi corti e composti dalla ripetizione di sillabe simili o uguali. La ragione? Aiutano il gatto nel processo di memorizzazione e riconoscimento del nome.

Tra i nomi più in voga per il gatto Kanaani ci sono:

  • Femmine: Xena e Venus;
  • Maschi: Thor e Zeus.

Curiosità sul gatto Kanaani

Infine, chiudiamo la nostra scheda completa interamente dedicata a questa razza sperimentale con un carrellata di imperdibili chicche sul gatto Kanaani.

gatto kanaani
(Foto Pinterest @PetsPoint.ru)
  • Durante il processo di selezione della razza, i primi esemplari di Kanaani sono stati fatti accoppiare con Abissini e Bengala;
  • Dopo quasi 10 anni di incroci, ad oggi è vietato l’accoppiamento di questo micio con altre razze;
  • A cosa si deve il peculiare nome di questo gatto? L’appellativo significa “canaanita” e fa riferimento allo storico popolo della striscia di Gaza, a testimonianza delle origini mediorientali del felino.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Laura Bellucci