Home Gatti Razze di gatti Selkirk Rex: prezzo, cuccioli, carattere, aspetto, salute, curiosità

Selkirk Rex: prezzo, cuccioli, carattere, aspetto, salute, curiosità

Scheda completa sul Selkirk Rex: tutto quello che c’è da sapere su questa razza felina dal pelo riccioluto a causa di una mutazione genetica.

Selkirk Rex
(Foto Pixabay)

Il Selkirk Rex, anche noto come “gatto pecora”, è un micio dal mantello ondulato, che – nonostante l’evidente somiglianza fisica – si distingue da Cornish Rex e Devon Rex. Esploriamo insieme l’universo felino di questo superbo quattro zampe, scoprendo tutto quello che c’è da sapere sul suo conto.

Informazioni generali sulla razza

Ecco cosa bisognerebbe assolutamente conoscere sul Selkirk Rex: scopriamolo attraverso un elenco di informazioni generali sul micio.

Selkirk Rex Longhair
(Foto Adobe Stock)
  • Soprannome: gatto pecora
  • Origine: Wyoming
  • Vita media: 12-20 anni
  • Dimensioni: medie
  • Peso: 3-6 kg
  • Anallergico: no
  • Tendenza a fuggire: sì
  • Tendenza ad ingrassare: sì
  • Tendenza a miagolare: no
  • Tendenza a soffrire la solitudine: no
  • Clima: si adatta bene ad ogni tipo di clima
  • Compatibile con bambini: sì
  • Compatibile con altri animali: potrebbe aver bisogno di tempo per adattarsi alla presenza di nuovi pelosetti

Quanto costa un Selkirk Rex

Ti piacerebbe accogliere nella tua casa e nel tuo cuore un pelosetto di questa razza? Un cucciolo di Selkirk Rex ha un costo che si aggira tra i 500 e gli 800 euro.

La cifra precisa dipende da una serie di fattori. Tra questi rientrano l’allevamento cui ci si rivolge, oltre che età e sesso del gatto.

Per quanto riguarda le spese di mantenimento del micio, si assestano intorno ai 30 euro al mese.

Habitat e stile di vita ideale

Trattandosi di un micio giocherellone e attivo, è fondamentale mettere a disposizione del Selkirk Rex uno spazio in cui possa correre, saltare, arrampicarsi e divertirsi.

L’ideale sarebbe un’area esterna, adeguatamente recintata e posta in sicurezza per evitare che il micio possa allontanarsi e correre pericoli.

Pur non avendo a disposizione giardini o terrazzi, in ogni caso, è possibile progettare una zona per il felino, provvista di percorsi e mensole rialzate, tunnel, giocattoli, tiragraffi e via dicendo.

L’adozione del micio è consigliata a famiglie con bambini e a persone anziane che abbiano tempo ed energie a disposizione per dedicarsi al gatto.

Il Selkirk Rex può vivere anche con chi trascorre alcune ore fuori casa, trattandosi di un pelosetto indipendente e autonomo.

Origini e storia della razza

Da dove viene il Selkirk Rex e quali avventure hanno caratterizzato la storia di questo pelosetto? Scopriamolo insieme.

Gatto a pelo riccio
(Foto Unsplash)

Il capostipite della razza nacque nel 1987, nel Wyoming. Il micio, naturalmente dotato di pelo riccioluto, venne chiamato Pesto of No Face e fatto accoppiare con un Persiano.

Dall’accoppiamento nacquero sei gattini, di cui tre dal manto ondulato. Il micio giunse in Europa solo nel 1990. In ogni caso, ad oggi si tratta di una razza ancora molto rara nel Vecchio Continente.

Aspetto e caratteristiche fisiche

Non c’è dubbio: il Selkirk Rex è un felino che ammalia grazie al suo aspetto così peculiare. Ecco cosa sapere a riguardo.

Corpo

Il Selkirk Rex è un micio di taglia media, con un peso compreso tra i 3 e i 6 kg, per una lunghezza massima di 32 cm.

La sua corporatura risulta incredibilmente massiccia e muscolosa.

Testa

La testa degli esemplari di questa razza è tonda, dal muso corto. Gli occhi sono rotondi e ben distanziati tra loro.

Le iridi possono presentare diverse colorazioni, tra cui tutte le sfumature di verde, blu e giallo.

Manto

Il mantello del Selkirk Rex è corto, dalla consistenza fitta, folta e lanosa. Lo standard ammette diverse colorazioni del pelo, in cui rientrano nero, bianco, rosso e cannella.

Inoltre, sono consentite tutte le sfumature di blu, grigio, lilla e crema. Il disegno della pelliccia del gatto tricolore, bicolore, solido colourpoint, tabby.

Zampe

Le zampe del Selkirk Rex sono lunghe, potenti e ben proporzionate rispetto al resto del corpo.

Carattere del Selkirk Rex

Oltre ad un aspetto affascinante e inconfondibile, il Selkirk Rex ha in serbo numerose altre doti di cui si serve per far cadere ogni umano alle sue zampe! Tra queste, naturalmente, rientra il suo temperamento adorabile.

gatti americani
(Foto Pixabay)

Infatti, si tratta di un quattro zampe molto affettuoso nei confronti degli esseri umani, che ama il contatto fisico e le coccole.

Grazie alla sua intelligenza e perspicacia, questo micio può essere facilmente addestrato. Una tecnica davvero infallibile?

Insegnare nuovi trucchi al pelosetto durante il gioco, a cui si dedica con grande entusiasmo e vitalità.

Compatibilità con bambini e altri animali

Grazie alla sua indole divertente, giocherellona ed equilibrata, il Selkirk Rex è un perfetto compagno di avventura per i più piccoli.

Diverso, invece, è il discorso che riguarda la convivenza con altri pelosetti. Questo micio, infatti, non è totalmente inadatto a vivere insieme ad altri animali, ma potrebbe aver bisogno di tempo per abituarsi all’arrivo di un nuovo quattro zampe.

In ogni caso, è fondamentale che il gatto abbia a sua disposizione uno spazio di sua esclusiva pertinenza, in cui rilassarsi e sentirsi al sicuro.

Salute e cura del Selkirk Rex

Gli esemplari di questa razza sono molto longevi. Basti pensare, infatti, che la durata media della loro vita è compresa tra i 12 e i 20 anni.

veterinario
(Foto Adobe Stock)

Nonostante la costituzione del micio sia robusta e tendenzialmente in salute, ci sono alcune malattie comuni nel Selkirk Rex.

Si tratta prevalentemente di patologie di natura genetica, che si trasmettono per via ereditaria da una generazione all’altra. Tra queste rientrano:

  • Cardiomiopatia ipertrofica;
  • Malattia del rene policistico.

Come prendersi cura del Selkirk Rex al meglio? Trattandosi di un esemplare a pelo corto, è sufficiente spazzolarlo 2-3 volte a settimana per rimuovere lo strato di pelo morto, evitando la formazione di boli e nodi.

Inoltre, è fondamentale ispezionare regolarmente le orecchie del micio, che tendono a secernere abbondanti quantità di cerume.

Per evitare l’accumulo di secrezioni e la comparsa di incrostazioni e spiacevoli patologie, si consiglia di pulire periodicamente le orecchie del micio, con prodotti appositi disponibili sul mercato.

Alimentazione ideale

Pianificare la perfetta alimentazione per il proprio Selkirk Rex è fondamentale per far sì che la vita del micio sia lunga e in salute. Cosa dovrebbero mangiare gli esemplari di questa razza?

Cibo secco per il gatto
(Foto Pixabay)

In primo luogo, è opportuno sottolineare che questi mici sono golosi e tendono ad accumulare peso in eccesso.

Per questo, è fondamentale rivolgersi al veterinario per formulare una dieta in grado di fornire al gatto calorie sufficienti a soddisfare il suo fabbisogno nutrizionale, senza il rischio di sovrappeso.

Un esperto, infatti, saprà valutare le dosi più idonee, tenendo in considerazione parametri strettamente fondamentali come età, stile di vita e stato di salute dell’animale.

Trattandosi di un felino domestico, l’alimentazione del Selkirk Rex deve essere principalmente basata sull’apporto di proteine di origine animale.

Via libera alla carne, in particolar modo di pollo, manzo e coniglio. Meno regolarmente, il micio potrà assumere anche del pesce, come sogliola, salmone e alici.

Riproduzione e cuccioli

Ti piacerebbe far accoppiare il tuo Selkirk Rex? Ecco tutto quello che c’è da sapere su riproduzione e cuccioli della razza.

Selkirk Rex Longhair
(Foto Adobe Stock)

Lo standard ammette l’accoppiamento con esemplari della stessa razza, anche nella variante a pelo lungo. Inoltre, sono consentiti incroci con American Shorthair, British Shorthair e British Longhair.

La gestazione ha una durata di circa 65 giorni, al termine dei quali vengono alla luce 3-4 gattini.

I cuccioli raggiungono le dimensioni adulte intorno al primo anno di vita. In ogni caso, per un completo sviluppo del manto occorrerà attendere i 2 anni.

Nomi per il tuo Selkirk Rex

Se hai deciso di adottare un Selkirk Rex, saprai bene che tra i più importanti passi da compiere dopo aver accolto il tuo nuovo amico a quattro zampe, c’è la scelta del nome.

Selkirk Rex Longhair
(Foto Adobe Stock)

Del resto, si tratta di un appellativo che accompagnerà il tuo fedele micio per tutto il resto della vostra vita insieme.

Come trovare il nome perfetto per il gatto? Il consiglio è di tenere in considerazione due parametri.

In primis, prediligi parole brevi e composte dalla ripetizione di suoni simili o uguali. Alcuni esemi? Gringo e Lola.

Inoltre, se desideri che l’appellativo del micio sia davvero originale e rifletta l’unicità del tuo amico a quattro zampe, focalizzati su una sua peculiarità fisica o caratteriale, che lo rende davvero speciale ai tuoi occhi.

Sei alla ricerca di idee e suggerimenti? In questo articolo troverai oltre 6500 nomi di gatto femmina e maschio. Tra gli appellativi più gettonati per il Selkirk Rex ci sono:

  • Femmine: Onda e Grisy;
  • Maschi: Riccio e Tom.

Curiosità sul Selkirk Rex

Infine, non ci resta che chiudere la nostra scheda completa sul gatto pecora elencando una serie di imperdibili curiosità sul Selkirk Rex: pronti a scoprirle tutte?!

Gatto a pelo riccio aspetto e carattere
(Foto Unsplash)
  • Le ragioni del simpatico soprannome affibbiate agli esemplari di questa razza sono piuttosto evidenti. Il Selkirk Rex, infatti, è stato ribattezzato gatto pecora proprio per vita del suo peculiare mantello lanoso, che lo fa somigliare a un ovino;
  • Non solo esemplari a pelo corto: esiste una variante dotata di pelliccia lunga e folta, nota come Selkirk Rex Longhair;
  • Attenzione a non confondere questo micio con altre razze dal pelo riccioluto. Nonostante la somiglianza, il gene che ha determinato la comparsa del mantello ondulato è differente;
  • La consistenza e la forma del pelo del Selkirk Rex varia da stagione a stagione. Inoltre, è influenzata anche da cambiamenti ormonali ed età del gatto.

Laura Bellucci

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.