Home Gatti Salute dei Gatti Alimentazione dell’Orientale Longhair: cibi, dosi e frequenza pasti

Alimentazione dell’Orientale Longhair: cibi, dosi e frequenza pasti

Alimentazione dell’Orientale Longhair, i segreti di una forma fisica perfetta grazie ad un’alimentazione adeguata e specifica per la razza.

oriental longhair
(Foto AdobeStock)

L’alimentazione dell’Orientale Longhair, la frequenza dei pasti e le quantità necessarie al fabbisogno giornaliero di questa particolare razza di gatto esotica.

Conoscere le abitudini alimentare del proprio gatto è importante, poiché una sana e corretta dieta permette di far vivere al proprio amico a quattro zampe, una vita in salute con un aspetto brillante.

Ecco perché in questo articolo andremo a descrivere nello specifico l’alimentazione dell’Orientale Longhair.

Cosa dare da mangiare all’Orientale Longhair

Conoscere le esigenze specifiche della razza del gatto che si è decisi di adottare è fondamentale.

cibo gatto
(Foto AdobeStock)

Diventa, perciò, necessario conoscere quali sono gli alimenti di cui l’Orientale Longhair può beneficiare.

Ovviamente come tutti gli altri gatti il consumo è prevalentemente di carne e di proteine animali, senza però escludere totalmente i carboidrati e i grassi.

In effetti l’ordine dei valori nutritivi da somministrare ad ogni pasto del gatto deve essere:

  • proteine: le proteine animali sono basilari in quanto utili alla formazione e al mantenimento dei muscoli, degli altri tessuti, del sangue ma anche per la rigenerazione e la conservazione delle cellule corporee e dei tessuti.
  • grassi: sono fonte di energia necessaria e sono i principali responsabili per il trasporto di sostanze nel corpo oltre che per il supporto e lo sviluppo delle articolazioni e del sistema nervoso;
  • carboidrati: sono una fonte immediata di energia per affrontare uno sforzo improvviso come una corsa, un inseguimento, una fuga, uno stress nel gatto improvviso ecc.
  • minerali: sono fondamentali per lo sviluppo ed il mantenimento dei tessuti. Consistono in: calcio, fosforo, magnesio, potassio, sodio e cloro (una loro carenza può causare disfunzioni organiche) e quelli che invece devono essere in piccole dosi sono: manganese, ferro, rame, zinco, iodio e selenio (l’eccesso di alcuni può determinare intossicazioni con conseguenze anche letali);
  • vitamine: sono utili a mantenere forte e sano il sistema immunitario. Ad esempio ferro, potassio, calcio, magnesio, rame, zinco e selenio, vitamina E, C, D, e K. È necessario però farne un uso appropriato magari rivolgendosi al veterinario.

In conclusione le proteine ​​animali devono costituire la maggior parte della dieta mentre il grasso non deve superare il 10%.

Ecco perché per poter offrire un pasto completo e bilanciato, i proprietari preferiscono utilizzare il cibo secco che è possibile trovare in commercio.

In alternativa per gli amanti della cucina e del proprio gatto gli alimenti che si possono utilizzare per eventuali ricette per gatti, sono:

  • pollo, tacchino, manzo;
  • salmone, tonno, trota, sgombro;
  • fegato, polmoni, cuore, stomaco, ecc..;
  • frutta e verdura fresca;
  • prodotti a base di latte fermentato, probiotici;
  • integratori vitaminici e minerali.

L’importante è fornire all’animale il giusto sostentamento, evitando perciò un eccesso di nutrimento.

 Potrebbe interessarti anche: Cosa mangia il gatto in natura: cosa sapere sulla sua alimentazione

Alimentazione dell’Orientale Longhair: dosi e frequenza dei pasti

L’Orientale Longhair è un gatto di taglia media con una corporatura asciutta e scattante, necessità di una quantità di cibo adeguata alle sue esigenze.

alimentazione gatto

Le dosi e la frequenza dei pasti non è possibile mai accomunarle a quelle delle altre razze. Ogni razza e più nello specifico ogni esemplare richiede una quantità di cibo specifica per la propria attività fisica, età e genere.

Molto spesso influiscono anche altri fattori quali la salute e lo stile di vita.

Come è giusto che sia, un gatto vivace e curioso brucia più calorie e consuma molto più cibo di un gatto sedentario, ragion per cui occorrerà somministrare una dose sicuramente differente da quella che è prevista nelle tabelle nutrizionali per il gatto

Generalmente gli esperti consigliano di somministrare i pasti in base all’età del gatto, ovvero iniziando con 3 e 4 porzioni al giorno da 25 a 30 grammi ciascuna nei primi mesi di vita del gatto.

Passando poi a 2 pasti al giorno da 200 e 450 grammi di cibo ciascuna. Arrivando poi ad un solo pasto al giorno, di 200 e 450 grammi di cibo ciascuna.

Superati i 7 anni bisognerà adattare la dieta del gatto anziano alle sue esigenze, in modo da potergli garantire uno stato di buona salute.

Se vuoi approfondire l’argomento sulla salute di questa razza. Ti consigliamo l’articolo relativo alle malattie dell’Orientale Longhair.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Ettore D’Andrea