Home Gatti Salute dei Gatti Distrofia corneale nel gatto: cause sintomi e rimedi

Distrofia corneale nel gatto: cause sintomi e rimedi

La distrofia corneale è una patologia dell’occhio, che in alcuni casi può portare il gatto alla cecità. Scopriamo come riconoscere l’insorgenza della malattia e quali sono i rimedi principali.

Distrofia corneale nel gatto
(Foto Adobe Stock)

Come noto, il senso più sviluppato del gatto è l’olfatto. Tuttavia anche la vista ha la sua importanza, ed alcune patologie possono comprometterne la funzionalità. Tra esse è la distrofia corneale, che colpisce la cornea e nei casi più gravi può condurre il gatto alla cecità. Scopriamo quali sono i sintomi della patologia e come intervenire.

Le varie forme di distrofia corneale

Il termine distrofia corneale viene adoperato per indicare un insieme di disturbi della cornea.

gatto dal veterinario
(Foto Pinterest)

Come noto, essa è una membrana dell’occhio, che protegge la pupilla e l’iride ed ha un ruolo fondamentale nella messa a fuoco delle immagini sulla retina.

La distrofia corneale nel gatto non è molto diffusa (è molto più frequente nel cane); tuttavia è molto importante imparare a riconoscerne i sintomi, in quanto nei casi più gravi o nell’ipotesi in cui non si intervenga, può condurre il felino alla cecità.

Si tratta di una patologia di natura degenerativa ed ereditaria, all’insorgenza della quale alcune razze di gatti sono più predisposte di altre, come il Manx.

Si distinguono tre tipi di distrofia corneale:

  • Epiteliale, causata da uno sviluppo anomalo della membrana alla base dell’epitelio. Tra le distrofie è la più comune;
  • Stromale, facilmente riconoscibile a causa dell’opacità che caratterizza la membrana;
  • Endoteliale, innescata dalla riduzione del numero di cellule all’interno della cornea.

Potrebbe interessarti anche: Il gatto ha l’occhio chiuso: cause possibili e i rimedi per guarirlo

I sintomi della distrofia corneale nel gatto

I sintomi della distrofia corneale sono diversi, e variano a seconda della forma patologica che ha colpito il gatto.

gatto occhio opaco cataratta occhi vitrei
(Foto Pinterest)

La forma epiteliale insorge in tenera età: in media tale tipologia della malattia colpisce il gatto entro il primo anno di vita, per poi progredire lentamente.

Essa può dar luogo a spasmi oculari e lesioni della cornea, riconoscibili dal colore bianco o grigio. Nei casi più gravi la forma epiteliale può cagionare anche delle ulcere alla membrana.

La forma stromale, invece si caratterizza per l’aspetto opaco della cornea, che col tempo incide sulla vista. Anche in questo caso possono manifestarsi spasmi corneali.

Anche la distrofia corneale endoteliale colpisce il gatto in età giovanile. Sintomi tipici sono il gonfiore e la comparsi di ulcere alla cornea, nonché il peggioramento della vista con l’incedere del tempo.

Potrebbe interessarti anche: Occhi del gatto: le principali malattie oculari del micio

Come si cura

In presenza dei sintomi descritti, è necessario rivolgersi con tempestività al proprio veterinario di fiducia; per quanto non esista una cura risolutiva, è necessario non trascurare la cura dello stato patologico, che con il decorso del tempo può degenerare e portare il felino alla cecità.

micio veterinario
(Foto Adobe Stock)

Il trattamento terapeutico più adeguato varierà a seconda della tipologia di distrofia corneale affliggente il gatto, i sintomi sorti, lo stato di salute generale dell’animale e l’età. Per quanto la malattia non possa essere fermata, con le adeguate cure si può assicurare al proprio amico a quattro zampe una buona qualità di vita per molti anni.

Molto importante far condurre al felino un adeguato stile di vita, a partire dall’alimentazione; necessario curare la pulizia degli occhi del gatto e monitorare lo stato della distrofia corneale.

La patologia non è dolorosa di norma, salvo l’ipotesi in cui non compaiano delle ulcere; in tal caso è necessario curare l’infezione con terapia antibiotica.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

A. S.