Home Gatti Salute dei Gatti Il gatto ha il pelo a mazzetti: tutte le cause e rimedi...

Il gatto ha il pelo a mazzetti: tutte le cause e rimedi efficaci

Il gatto ha il pelo a mazzetti e non sempre è mancanza di pulizia personale dell’animale. Si tratta di un fenomeno comune nel micio. Vediamo quali sono le cause di questo problema e come è possibile risolverlo per restituire al nostro felino un pelo perfetto.

Il gatto ha il pelo a mazzetti
(Foto Pixabay)

I padroni di un gatto domestico conoscono la sua ossessione per la pulizia. Il felino, come sappiamo, passa molto tempo della sua giornata a leccarsi bene e a pulire il pelo. Un micio appare sempre impeccabile anche grazie a questa sua pratica personale. Ma, allora, cosa può provocare un disagio al suo manto? Perché il gatto ha il pelo a mazzetti? Vediamo di analizzare questo fenomeno felino.

Il micio e il pelo a mazzetti: i motivi di questo fenomeno

Può accadere che il nostro micio, soprattutto se anziano, inizi ad avere il pelo a mazzetti e questo, nel tempo, può farci preoccupare. Vediamo quali sono i motivi comuni del problema e le possibili soluzioni.

Il pelo del gatto
(Foto Pixabay)

Cosa significa che il gatto ha il “pelo a mazzetti”? Questa è un’espressione che sta ad indicare piccoli gruppi di ciuffi che si creano sul manto del gatto a causa di un accumulo di grasso. Si tratta di un fenomeno particolare nel felino, proprio per la sua famosa disciplina per l’igiene e la pulizia. Quando ci accorgiamo di un cambiamento estetico, dunque, dobbiamo prenderlo come un segnale di allarme e capire cosa gli sta succedendo.

Il pelo a mazzetti o annodato nel felino si verifica maggiormente nel micio anziano o sovrappeso, e risulta unto al tatto. Non è facile comprendere subito cosa l’ha scatenato, perché le cause di questo problema nell’animale possono essere varie. Una causa del disagio può essere legata al suo peso e può riguardare sia il sovrappeso che il dimagrimento del gatto. Cambi improvvisi di peso possono rovinare o aggravare le condizioni del pelo.

Problemi di peso possono provocare anche disturbi più seri in lui, come l’insufficienza renale cronica, per la quale purtroppo non esiste cura. Il motivo di questo disagio in un gatto con problemi di peso sta sicuramente nella difficoltà a lavarsi bene in alcune aree del suo corpo. Da qui la diffusione dei ciuffi. Le malattie dovute all’alimentazione non vanno sottovalutate. La comparsa del pelo a mazzetti è dovuta anche alla disidratazione nel micio.

Il peloso può trascurare la propria pulizia anche per una letargia causata da una precedente condizione di disagio. Un’altra causa di questo disturbo può essere la presenza di un problema alla bocca. Probabili infezioni, ascessi, problemi a denti e gengive, alito cattivo e anche un tumore alla bocca nel gatto, possono essere importanti impedimenti per la sua pulizia giornaliera.

Potrebbe interessarti anche: Malattie della bocca del gatto: sintomi, cause e come guarirla

Altre possibili cause del pelo a mazzetti

Altri problemi responsabili del pelo a mazzetti sono atassia e artrite nel gatto. Quando il micio ha problemi di artrite, muscolari e di movimento, per lui non è facile compiere i più semplici movimenti, come quello di lavarsi. Anche se si sforza il risultato non sarà mai buono. Come abbiamo detto, questa è una condizione che colpisce specialmente i gatti anziani, di solito a partire dall’ottavo anno di età.

É proprio il gatto anziano a soffrirne maggiormente, anche per le disfunzioni del suo metabolismo e del sistema immunitario. I suoi cambiamenti metabolici comportano anche un peggioramento del pelo e del manto, segnali inevitabili dell’invecchiamento del gatto. Quando lui vive solo o è un gatto a pelo corto, può iniziare ad avere dei nodi anche per accumuli di pelle morta o per la presenza di polvere sul manto.

Potrebbe interessarti anche: Gestione del gatto anziano: assistenza, protezione e consigli

Cura e soluzioni del pelo a mazzetti nel proprio micio

Quando il gatto ha il pelo a mazzetti occorre intervenire subito per aiutarlo e verificare la precisa causa scatenante. Vediamo i consigli per le cure migliori di questo disturbo, per poterlo risolvere e restituire al nostro amico domestico la sua serenità.

Il pelo sano nel gatto
(Foto Pexels)

Sarà il veterinario ad occuparsi di questo problema, iniziando ad indagare attraverso gli esami del sangue e delle urine dell’animale, per essere sicuri sulla causa che sta all’origine del disturbo. Insieme alla cura che verrà indicata dal medico, si può agire per migliorare quanto più possibile la qualità del pelo del micio. Vediamo in che modo possiamo aiutarlo anche noi.

Spazzolare regolarmente il pelo e lavarlo con uno shampoo specifico, sono azioni importanti per combattere il disagio di cui soffre il nostro peloso. Spazzolare il gatto nel modo giusto ci permetterà di arrivare alla soluzione del problema in tempi minori. Innanzitutto, bisogna ricordare di utilizzare sempre prodotti adatti all’animale. Nel suo caso, l’uso dell’acqua va evitato, poiché potrebbe rendere i suoi ciuffi ancora più fitti.

Esistono per lui appositi spray antistatici e anti-nodi. Per la cura del pelo, invece, è preferibile l’uso di un pettine a denti larghi per i nodi intricati. Facciamo molta attenzione a non tirare via la pelle mentre spazzoliamo, potremmo fare molto male al nostro peloso. Per i nodi spessi, si consiglia di utilizzare un pettine rasoio dotato di lame utili allo scopo. Lo si usa partendo dalla base del nodo, facendo sempre attenzione a non ferirlo.

Altrimenti, si può scegliere il classico rasoio elettrico. Ricordiamo di tirare bene il pelo da radere, per la sicurezza del nostro animale. Verificare la presenza di piaghe o infezioni, prima di iniziare, controllando bene ogni zona della pelle. La pelle del gatto è molto delicata ed è facile a tagli e scottature. Per il taglio del pelo è sconsigliato l’uso di forbici, in quanto è alto il rischio che si possa ferire.

In caso di ferite accidentali, pulire la ferita con acqua ossigenata e portarlo dal veterinario per accertarsi che il taglio non sia profondo e pericoloso per la sua salute. Se non ci sentiamo pronti ad affrontare il taglio dei nodi e a rimuovere i ciuffi nell’animale, possiamo rivolgerci al veterinario di fiducia, il quale si occuperà tranquillamente della sua pulizia.

Ilaria G