Home Gatti Salute dei Gatti Istoplasmosi nel gatto: le cause, i sintomi e il trattamento

Istoplasmosi nel gatto: le cause, i sintomi e il trattamento

Istoplasmosi nel gatto è un’infezione che colpisce il tratto intestinale del felino. Vediamo quali le cause, i sintomi e il trattamento.

gatto malato
(Foto AdobeStock)

Se si desidera adottare un gatto, occorre essere pronti e consapevoli che può essere soggetto a determinate patologie infettive.

Ecco perché è fondamentale imparare a riconoscere i segnali che l’animale mostra in caso di malattie.

Conoscere i sintomi di quelle più comuni per interpretare i comportamenti anomali e agire prontamente, può salvare la vita del tuo micio.

Per quanto indispensabile che l’animale venga visitato periodicamente dal veterinario che venga vaccinato, che riceva un adeguato trattamento contro i parassiti esterni e interni e che mangi in modo sano e completo, è anche opportuno osservarlo con attenzione, in modo tale da decifrare comportamenti anomali rispetto ai soliti.

Nell’articolo di oggi andremo a conoscere quali le cause, i sintomi e il trattamento adeguato in caso di istoplasmosi nel gatto.

Causa dell’istoplasmosi nel gatto

L’istoplasmosi nel gatto è causata principalmente dall’ingestione del fungo Histoplasma capsulatum.

gatto malato
(Foto AdobeStock)

Questo fungo è presente nel terreno e quando il gatto si reca a fare i propri bisogni e successivamente, come sua abitudine dopo averli fatti, lo graffia è in quel momento che è facile che si infetti.

Un altro modo con il quale il gatto si infetta è quando entra in contatto con uccelli contaminati (incluso il pollame) o escrementi di pipistrelli.

Sintomi

I segnali che il gatto manifesta a causa dell’istoplasmosi possono essere diversi fra quelli più comuni ci sono mancanza di appetito, perdita di peso e difficoltà respiratorie.

Gatto Malato
(Foto da Pinterest)

Altri sintomi possono includere:

  • aumento dello sforzo respiratorio e suoni polmonari aspri;
  • diarrea nel gatto;
  • febbre, fino a 40° C;
  • gengive pallide e mucosa;
  • linfonodi ingrossati (linfoadenite);
  • scarico oculare;
  • zoppia;
  • tosse nel gatto.

Potrebbe interessarti anche: Misurare la febbre al gatto senza termometro: le mosse alternative per capire se ha la febbre

Diagnosi e trattamento dell’istoplasmosi nel gatto

Per poter effettuare una diagnosi, il veterinario dovrà eseguire un esame fisico ma non prima di avere interpellato il padrone per cercare di capire quali i possibili incidenti e con cosa possa essere venuto a contatto, il gatto, nelle ore precedenti.

Dopodiché procederà con una diagnosi differenziale, in quanto i sintomi da insufficienza cardiaca, asma felino, linfoma, piotorace e polmonite fungina, sono troppo poco indicativi per puntare su una sola patologia.

Procederà, perciò con ulteriori test differenziali che confermeranno o escluderanno l’effettivo stato di istoplasmosi, insieme ad esami quali: profilo ematico chimico, esame emocromocitometrico completo e analisi delle urine.

Stabilita la diagnosi il veterinario deciderà per il trattamento più adeguato e l’eventuale ricovero nel caso il gatto si rifiuti di mangiare.

Ragion per cui il medico veterinario somministrerà farmaci, liquidi e sostanze nutritive per via endovenosa fino a quando le condizioni del gatto non saranno migliorate.

È anche possibile che la condizioni si ripresenti e si renderà perciò, necessario riproporre un secondo ciclo di terapia.

Subito dopo il trattamento sarà necessario sottoporre l’animale a riposo forzato in gabbia, onde evitare sforzi e movimenti inopportuni e accelerare la guarigione.

Per quanto riguarda la prevenzione è facile a dirsi un po’ meno a farsi, in particolare per i gatti che hanno la possibilità di poter uscire in giardino.

Per evitare che il tuo gatto sia esposto a possibili fonti di contaminazione, dovrebbe evitare di recarsi nei terreni dove si poggiano uccelli, pollame o pipistrelli.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Raffaella Lauretta