Home News Caitlyn: legò il suo muso per non farla abbaiare. Condannato a 5...

Caitlyn: legò il suo muso per non farla abbaiare. Condannato a 5 anni di carcere

CONDIVIDI

La storia della dolce Caitlyn aveva fatto il giro del mondo nel 2015 per le modalità di maltrattamenti alle quali era stata sottoposta la dolce pitbull. Infatti, il proprietario le aveva legato il muso con dello scotch per impedirle di abbaiare, provocando una bruttissima ferita in quanto le aveva bloccato in quel modo la circolazione del sangue. Il muso della giovane esemplare di 15 mesi si gonfiò e nonostante tutto, il proprietario restò indifferente alla sofferenza del cane. La dolce Caitlyn riuscì a scappare dal suo aguzzino venne salvata da un’associazione di volontari e poi adottata.

“Mi ricordo la paura nei suoi occhi. Quando l’abbiamo trovata era in quelle condizioni da almeno 36 ore”, ha raccontato uno dei volontari che hanno soccorso Caitlyn.

Il proprietario di nome William Dodson, di 43 anni, originario della Carolina del Sud, a distanza di due anni è stato condannato a 5 anni di carcere per crudeltà sugli animali. Una pena che si aggiunge alla condanna per spaccio, per cui Dodson dovrà scontare 15 anni. L’uomo si è dichiarato colpevole del gesto per il quale la piccola pit bull ha dovuto subire diversi interventi chirurgici per cui ha perso parte della lingua.

Ancora oggi, secondo le indiscrezioni, soffrirebbe di attacchi di ansia, nonostante abbia trovato una famiglia che la circonda di affetto.

Caitlyn è stata inserita in una serie di scatti per il calendario 2017 di beneficenza della Charleston Animal Society realizzato ogni anno per il rifugio dai pompieri di Charleston. Al momento della lettura della sentenza, lo stesso giudice della corte di Charleston Markley Dennis ha dichiarato “avrei voluto darle di più” (I wish I could give you more). Parole con le quali la città di Charleston ha voluto chiaramente condannare azioni di crudeltà e maltrattamento animali. La storia di Caitlyn è diventato un emblema in tutto il mondo e per la sua adozione nel 2015, la Charleston Animal Society ricevette richieste provenienti da diversi paesi, dal Canada al Sud America, in una straordinaria catena di solidarietà.