Cane bloccato in una recinzione: dopo il salvataggio, la terribile scoperta (VIDEO)

Foto dell'autore

By Elisabetta Guglielmi

News

Una squadra di soccorso ha aiutato un cane rimasto bloccato nella recinzione; dopo il salvataggio si sono resi conto che altri cani erano chiusi all’interno della casa senza via di uscita.

Cagnolino bloccato recinzione pompieri
Una squadra di vigili del fuoco ha aiutato un cagnolino rimasto bloccato in una recinzione; dopo il salvataggio si sono resi conto che altri cani erano chiusi all’interno della casa senza via di uscita (Screenshot video Facebook – Bomberos Voluntarios De Tamaulipas A.C. – amoreaquattrozampe.it)

I vigili del fuoco in ogni parte del mondo si occupano di aiutare gli esseri viventi in difficoltà, sia umani sia animali. A volte, però, le leggi vigenti in determinati paesi impediscono loro di portare a termine gli interventi. Così è accaduto in Messico ai Pompieri Volontari della frazione di Altamira Tamaulipas. Come si legge in un post pubblicato sulla loro pagina Facebook (@Bomberos Voluntarios De Tamaulipas A.C.), pochi giorni fa la squadra dei soccorritori ha salvato un cagnolino rimasto bloccato con la testa in una rete metallica, ma non ha potuto poi liberarlo dalla casa in cui era tenuto in pessime condizioni insieme ad altri cani.

Pompieri trovano un cane bloccato in una rete metallica e chiuso in una casa insieme ad altri cagnolini: il salvataggio

liberare cane recinzione testa
Un cane randagio ha richiamato l’attenzione dei vigili del fuoco: la squadra di soccorso l’ha seguito e ha trovato un cagnolino bloccato con la testa nella rete di una finestra; dopo il salvataggio i pompieri si sono resi conto che altri cani erano chiusi all’interno della casa senza via di uscita (Screenshot video Facebook – Bomberos Voluntarios De Tamaulipas A.C. – amoreaquattrozampe.it)

SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE TWITTER

A seguito di una segnalazione da parte di un cittadino della zona, una squadra di vigili del fuoco si è recata nei pressi di un’abitazione situata ad Arboledas in via Cedro, numero 41 ad Altamira in Messico. Qui, nella recinzione metallica posta a chiusura delle finestre della casa, un cagnolino era rimasto bloccato con la testa dopo essersi sporto fuori. Arrivati sul posto, i pompieri hanno subito rintracciato l’abitazione giusta anche grazie all’aiuto di un cane randagio che, come si vede nel filmato su Facebook, si è fatto seguire fino alla finestra dove era bloccato il cagnolino.

Ti potrebbe interessare anche >>> Jughead, il cane sopravvissuto per settimane con una scatola di plastica sulla testa (VIDEO)

Uno dei pompieri ha iniziato subito a liberare il cucciolo tagliando con un paio di forbici la rete metallica. Il cagnolino era completamente bloccato e, nel tentativo di liberarsi da solo, rischiava di ferirsi. L’uomo, accarezzando il quattro zampe e cercando di tranquillizzarlo, è riuscito dopo diversi minuti a tagliare alcune maglie della recinzione in ferro. Non appena il cagnolino si è reso conto di essere libero ha tirato indietro il musetto ed è sceso dalla finestra. I vigili del fuoco hanno potuto così guardare all’interno dell’abitazione, scoprendo che molti altri cani erano rinchiusi all’interno.

Ti potrebbe interessare anche >>> Rocambolesche avventure del cane Indi, degno omonimo di Indiana Jones

I cagnolini sono saliti sul davanzale della finestra, ancora chiusa dalla rete metallica, nella speranza di ricevere aiuto dagli umani ed essere liberati. Secondo quanto riportato dagli abitanti della zona, i cuccioli erano rinchiusi da diverso tempo nella casa. I pompieri, però, non hanno potuto fare nulla per aiutarli. Come si legge nel post condiviso su Facebook a corredo del video del salvataggio, sono frequenti i casi di denuncia e arresto nei confronti di chi libera dalle abitazioni private animali tenuti in condizioni disumane. Come pompieri  volontari, gli agenti non avevano il permesso di irrompere nella casa e salvare i cuccioli per questo hanno lanciato un appello all’autorità comunale affinché si occupi del caso e liberi i cani. (di Elisabetta Guglielmi)

Gestione cookie