Home News Cani abbandonati e ridotti all’osso: le immagini finiscono su Facebook

Cani abbandonati e ridotti all’osso: le immagini finiscono su Facebook

CONDIVIDI
Uno dei cani abbandonati (Facebook)

Un caso di abbandono di due poveri cani è finito su Facebook, grazie alla denuncia di una 21enne, Katie Dunkely, e ha suscitato indignazione. I poveri animali sono stati infatti chiusi in casa senza cibo né acqua, abbandonati a loro stessi per tre settimane. Quando li hanno ritrovati, erano denutriti, malridotti, pieni di tagli e graffi. L’episodio denunciato in queste ore è avvenuto a Barry in Galles e riguarda un maschio e una femmina.

Le operazioni di salvataggio dei due cani sono partite grazie all’insistenza di Katie Dunkely, appunto. La giovane prima è entrata nel giardino della casa dove si trovavano gli animali, documentando quando aveva visto, quindi ha chiamato la polizia. Al momento dell’arrivo delle forze dell’ordine, la 21enne ha voluto realizzare un video e diverse foto (vedi in fondo all’articolo), che mostrano il salvataggio dei cani, la cui custode è stata denunciata per maltrattamenti.

Il fenomento ci riguarda da vicino: troppi e a cadenza giornaliera sono i casi di abbandono di animali anche in Italia. Per tale ragione nei giorni scorsi è arrivato l’appello del rapper J-Ax: “Se vedete un animale abbandonato prestategli soccorso, dopo di che chiamate subito la polizia locale o i veterinari di zona; se vedete qualcuno che abbandona un animale prendete subito il numero di targa, perché in Italia è un reato punito con l’arresto fino a un anno. E soprattutto, non abbandonate il vostro animale. Come fate ad andare in vacanza pensando che un essere vivente che darebbe la vita per voi è da solo, senza acqua e senza cibo che aspetta il vostro ritorno?”.

Quotidianamente vengono denunciati episodi di abbandono: in Toscana, a Montopoli in val d’Arno, dove dodici piccoli batuffoli e una cagna sono stati lasciati senza custodia. La mamma dei piccoli è un cane di razza corso e ha un microchip. Il proprietario li ha abbandonati al vicino con la promessa di rimanere via per qualche giorno. Successivamente si è scoperto che l’uomo si era trasferito in Inghilterra, per cui non sarebbe più tornato a riprendere gli animali.

Per vicende analoghe, nei giorni scorsi era finito nei guai l’assessore alla cultura del Comune di Caltagirone Vito Dicara, che è stato accusato e denunciato per maltrattamenti e abbandono di animali. Il politico dell’Udc ha lasciato quattro cuccioli di cane in un cartone davanti alla villa di una donna. Questa, una fervente animalista, ha denunciato il ritrovamento ai militari dell’Arma dei Carabinieri.

Un paio di settimane fa, una scoperta è stata fatta dalla Polizia locale di Martignacco, comune di settemila abitanti in provincia di Udine. All’interno di un appartamento, infatti, le forze di polizia hanno rinvenuto, in seguito ad alcune segnalazioni, 29 cuccioli, celati in una stanza e accuditi nel peggiore dei modi dal loro padrone.

Drammatico invece quanto avvenuto a Santa Maria di Sala, in provincia di Venezia, dove cinque cuccioli appena nati sono stati trovati rinchiusi in un sacchetto. I piccolini sarebbero morti nel giro di poco tempo se non fosse stato per una donna che, passando nel luogo dell’abbandono, li ha notati all’interno di una busta di carta di quelle utilizzate solitamente per avvolgere il pane.