Cartelloni pubblicitari come cucce per cani: l’iniziativa per proteggere i randagi

Foto dell'autore

By Lisa Girello

News

Vecchi cartelloni pubblicitari sono trasformati in cucce per cani randagi per permettere loro di stare al riparo dalla pioggia e dal sole.

Cane randagio e nuovo riparo
Cane randagio e nuovo riparo (Instagram @stand_forstray) – Amoreaquattrozampe.it

Il randagismo è un problema che affligge molte città del mondo. Secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), nel mondo ci sono quasi 200 milioni di cani randagi e un numero ancora maggiore di gatti randagi. Non tutti gli animali randagi sono nati tali, molti sono animali domestici che sono stati abbandonati. Ogni città, collaborando con associazioni e rifugi, cerca di mettere in pratica la soluzione migliore per questi quattro zampe.

“Stand for Stray”: l’iniziativa che trasforma cartelli pubblicitari in cucce per cani

Come in qualunque parte del mondo, anche le città della Thailandia combattono con il fenomeno del randagismo, soprattutto la capitale Bangkok. Ogni anno il Paese spende una grande quantità di denaro per la gestione dei cani randagi, dalle vaccinazioni alla gestione sanitaria, alla costruzione dei rifugi.

progetto per cani randagi
Cartelloni pubblicitari come riparo (Instagram @stand_forstray) – Amoreaquattrozampe.it

Tuttavia, a fronte del loro numero crescente di quattro zampe randagi, il sostegno a questi animali rimane insufficiente e il loro impatto diretto e indiretto sulla società continua, anche sull’immagine delle comunità in cui vivono. Enti governativi, privati e gruppi di volontari hanno cercato di adottare una soluzione a questo crescente problema, attraverso programmi di sterilizzazione.

Iscriviti al nostro nuovissimo canale WHATSAPP e ricevi ogni giorno storie e video inediti solo per te

Ma una volta sterilizzati, i cani vengono comunque restituiti alla comunità dove vivono in condizioni precarie, causando problemi di altro tipo: visivo, ambientale e igienico-sanitario. A fronte di questo è stato creato un ulteriore progetto chiamato “Stand for Strays”, che mira a gestire il problema del randagismo attraverso l’installazione di piccole strutture che fungono da riparo temporaneo contro pioggia e sole.

Cani al riparo grazie a progetto
Cani al riparo (Instagram @stand_forstray) – Amoreaquattrozampe.it

Queste cucce vengono realizzate utilizzando vecchi cartelloni pubblicitari, fissandole in seguito ad un muro. Dando nuova vita ad un un oggetto in disuso, la comunità ha creato il metodo giusto in grado di aiutare i quattro zampe della zona. Questo riparo, inoltre, permette anche alle organizzazioni di concentrare meglio il loro lavoro di assistenza. Il progetto contribuisce, inoltre, a sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema del randagismo, cercando di cambiare la mentalità dei cittadini, creando cooperazione e riducendo i conflitti, a favore di una migliore qualità della vita per tutta la società.

Impostazioni privacy