Home News Vicenza, che scherzo orribile: civetta incollata nel vischio

Vicenza, che scherzo orribile: civetta incollata nel vischio

CONDIVIDI

La sezione dell’ENPA di Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza, ha provveduto a salvare una povera civetta rimasta in trappola. La vita del rapace era stata messa a serio rischio per colpa di un gioco stupido che ha intrattenuto il mostro di turno per qualche minuto. Poi evidentemente l’aguzzino si sarà stufato abbastanza presto dello scempio da lui commesso ed è andato via, lasciando il povero volatile in balia della situazione difficile.

La civetta, secondo quanto riportato dai volontari dell’ENPA, era rimasta bloccata nel vischio con il quale era stata cosparsa una tavola di legno lasciata sul suolo. Una vera e propria trappola concepita apposta per fare del male, non c’è alcuna altra spiegazione per questo stupido ed orribile gesto. L’ENPA ha poi aggiunto: “Speriamo di riuscire a curarla e che la civetta possa sopravvivere. L’invito per tutti è quello di cercare altri modi meno cruenti con i quali passare il tempo, non bisogna attuare simili pratiche pericolose sugli animali per divertimento. Perché di divertente non c’è proprio niente, è solo crudeltà”. Il fattaccio è avvenuto domenica scorsa intorno all’ora di pranzo nel piccolo centro vicentino di Mason.

Diversi sono stati i casi di maltrattamento o peggio, perpetrati ai danni di uccelli delle più svariate specie. Nel corso di questo 2016 che volge al termine sono stati effettuati ritrovamenti di uccelli maltrattati per mero commercio illegale o per stupido passatempo, o anche per discutibile intrattenimento, come nel caso dei colombi appositamente colorati e poi liberati prima di una partita di calcio delle serie minori siciliane.

Un episodio che ha scatenato le proteste di numerose associazioni animaliste, le quali hanno posto in risalto quali siano i rischi che sia gli animali in questione quanto l’habitat nel quale sono inseriti potrebbero affrontare da questa evidente alterazione. Poi non accennano a diminuire le polemiche legate alla caccia.