Cucciolo terrorizzato e ferito corre sui binari: si scatena il panico – FOTO

Foto dell'autore

By Elisabetta Guglielmi

News

Un cucciolo di Pastore Tedesco, dopo essere rimasto ferito da un’automobile, si è messo a correre terrorizzato sui binari del treno: l’eroico salvataggio.

binari treno cucciolo cane
Cucciolo di cane corre ferito sui binari del treno (Screenshot foto Foto di 🌼Christel🌼 da Pixabay – amoreaquattrozampe.it)

Le strade e i mezzi di locomozione possono rappresentare una grande fonte di pericolo per gli animali. Cani e gatti in particolare possono finire per essere investiti dalle automobili e rimanere feriti. Lo ha imparato a proprie spese un cucciolo di Pastore Tedesco di nove mesi che ha corso il rischio di essere ucciso da un treno subito dopo essere stato investito da un’automobile. Le disavventure del povero quattro zampe sono avvenute ad Adelaide, capitale dello Stato dell’Australia Meridionale, e sono state raccontate da un’organizzazione australiana che si occupa di aiutare gli animali in difficoltà.

Il salvataggio del cucciolo di Pastore Tedesco, ferito e spaventato, che stava per essere investito dal treno (FOTO)

cagnolino treno binari salvataggio
Il salvataggio del Pastore Tedesco terrorizzato e ferito nascosto sui binari del treno (Screenshot foto Facebook Lost Pets of South Australia – amoreaquattrozampe.it)

SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE TWITTER

L’organizzazione no profit Lost Pets of South Australia ha pubblicato sulla propria pagina Facebook (@Lost Pets of South Australia) una foto che mostra il salvataggio di un cagnolino ferito e terrorizzato a opera di un gruppo di volontari.

A Salisbury, un sobborgo di Adelaide nell’Australia Meridionale, tre giorni fa un cagnolino è stato avvistato mentre camminava ferito in mezzo a una strada. Il cucciolo era appena rimasto vittima di un incidente con un’automobile, a seguito del quale era scappato via spaventato.

Terrorizzato e ferito, il cagnetto ha cercato rifugio tra i binari del treno. Avvistato da diversi cittadini, il cane è stato segnalato ai volontari di Lost Pets of South Australia.

Una squadra di soccorritori è subito intervenuta per aiutare il cucciolo, che rischiava di essere investito da un treno in arrivo.

Il conducente del treno, allertato da alcuni avvisi diramati via radio e dal movimento nei pressi dei binari, ha iniziato a rallentare il veicolo, che fortunatamente procedeva in quel tratto di strada già a velocità ridotta.

Il cucciolo, spaventato dalle persone che cercavano di fermarlo, è corso sotto al treno che si era appena fermato cercando un riparo. I volontari dell’associazione hanno seguito il cagnolino e, dopo averlo raggiunto tra le ruote sotto una delle carrozze ferroviarie, sono riusciti a indurlo ad uscire.

Il cagnetto era ricoperto di sangue, ma fortunatamente presentava solo alcune lacerazioni e abrasioni sulle zampe. Portato dal veterinario, è risultato che era sprovvisto di microchip. Adesso il cucciolo si trova presso un rifugio della zona e si sta lentamente riprendendo dal trauma dell’incidente.

Il salvataggio del cane è stato possibile ancora una volta grazie al coraggio di un gruppo di persone che non ha esitato a rischiare la propria vita pur di salvare un animale in difficoltà.

Sui social network spesso si leggono storie di questo genere, di volontari che aiutano gli animali in difficoltà soprattutto a seguito di calamità naturali quali ad esempio i terremoti.

Poche settimane fa aveva fatto il giro del mondo il filmato di un cagnolino al quale è stato dato il nome di Alex estratto vivo dopo ventitré giorni dalle macerie della sua abitazione crollata a seguito del devastante sisma che ha colpito la Turchia e la Siria. Allo stesso modo era diventata internazionalmente nota la storia del gattino di nome Enzak che, dopo essere stato salvato dai detriti della sua casa distrutta dal terremoto, non si è più voluto separare dal suo soccorritore.

Come ha scritto la squadra di soccorso della Lost Pets of South Australia, è chi compie questi atti di umanità e coraggio che riceve la migliore ricompensa possibile: l’affetto degli animali salvati. Così i volontari hanno scritto infatti sulla loro pagina Facebook: «This is why we do what we do! Thank you to everyone involved, absolute legends!» (tradotto in italiano: «Ecco perché facciamo quello che facciamo! Grazie a tutti coloro che sono intervenuti, assolutamente leggendari!»). (di Elisabetta Guglielmi)