Destinata all’eutanasia viene salvata in extremis( Video)

Foto dell'autore

By Loriana Lionetti

News

La vita di Edie era appesa ad un filo, la squadra di soccorso ha fatto irruzione nella clinica evitando il peggio

Destinata all'eutanasia viene salvata in extremis ( Screen video)
Destinata all’eutanasia viene salvata in extremis ( Screen video)

Una storia che poteva avere un finale ben diverso e sarebbero bastati solo una manciata di minuti di più per il tragico epilogo. Per fortuna la storia della cagnolina Edie è arrivata all’orecchio di Eldad Hagar, un volontario che insieme alla sua associazione “Hope For Paws” si occupa proprio di aiutare i cani in difficoltà ad avere una vita migliore.

La cagnolina in questione era stata classificata “troppo aggressiva” per poter essere affidata e per lei l’eutanasia sembrava quindi essere l’unica strada, era già stata trasportata nel centro veterinario che avrebbe dovuto mettere in atto la pratica quando Eldad, venuto a conoscenza della storia, ha fatto irruzione nell’edificio fermando tutto per un istante.

Edie stava per essere soppressa a causa della sua paura, con un pò di amore il cambiamento è stato incredibile!

Destinata all'eutanasia viene salvata in extremis ( Screen video)
Destinata all’eutanasia viene salvata in extremis ( Screen video)

Quando la squadra di soccorso è arrivata nell’edificio in cui era custodito il cane mancava ormai poco alla messa in atto dell’eutanasia programmata. Il personale si è però subito reso conto che la cucciola non era aggressiva ma solo estremamente provata dalle evidenti esperienze negative vissute.

Appena i volontari hanno cercato di avvicinare Edie, l’animale si è rifugiato in un angolo dove per la paura ha iniziato a perdere feci e urina, uno stato di terrore mai visto prima che sicuramente nasconde un passato di violenza subito e che i volontari hanno deciso di cancellare.

Sono bastate infatti tempo e qualche gesto affettuoso per conquistare la fiducia della cagnolina e riuscire a mettergli il guinzaglio per portarla via da quell’orribile situazione. Nei giorni successivi le attenzioni dei volontari si sono riversate tutte su Edie ed il cambiamento, visibile dalle foto, è stato sostanziale.

Dopo aver capito che nessuno le avrebbe fatto più del male, Edie si è lasciata lavare e tosare e da li in poi non ha più mostrato alcun segno di aggressività. In meno di una settimana la cagnolina ha quindi trovato una nuova casa e la sua padrona giura di non aver mai avuto un cane tenero ed affettuoso come lei.

Purtroppo però non sono tantissimi i cani così fortunati, sono molti quelli che hanno avuto un destino ben peggiore e per la sola colpa di essere rimasti traumatizzati da quello che gli uomini gli avevano fatto. È proprio per questo che la divulgazione è l’arma migliore senza di questa, infatti, anche per Edie non ci sarebbe stato nulla da fare.