Home News Dipendente delle ferrovie licenziato per aver portato il cane a lavoro

Dipendente delle ferrovie licenziato per aver portato il cane a lavoro

E stato licenziato il dipendete delle ferrovie che senza chiedere il permesso ha portato tutti i giorni con se il suo cane a lavoro. In moltissimi hanno firmato una petizione online per farlo rintegrare.

E’ stato un fulmine a ciel sereno quello che ha colpito Richard Bunce un uomo di circa 54 anni che da tempo lavora nella ferrovia, alla stazione di Horsley a East Horsley, nel Surrey.

Dipendente delle ferrovie licenziato per aver portato il cane a lavoro (Foto Facebook)
(Foto Facebook)

L’uomo, unico dipendente della stazione, è stato licenziato in seguito ad alcune recensioni rilasciate a suo carico. Quello che fa riflettere è che ogni recensione era ottima, l’unico motivo per cui l’uomo sta perdendo il suo lavoro è aver portato il cane in stazione senza chiedere il permesso.

L’uomo che da anni lavora nella stazione alla biglietteria è conosciuto da tutto il paesino che lo reputa una persona straordinaria, il signor Bunce è una persone sensibile e straordinaria tanto che  durante il blocco dovuto al covid 19 aveva sostenuto moltissime persone che non potendo recarsi nella biblioteca della città si erano recate in stazione dove lui aveva messo a disposizione i suoi libri personali per far si che le persone potessero passare il tempo.

In tutta la città infatti l’uomo è conosciuto per le sue iniziative che hanno reso la stazione locale la migliore per ben 3 anni di fila, ora però, il capostazione sta per perdere il suo lavoro perché in una recensione è stato menzionato George il suo adorato cucciolo di 4 anni .

Sembra infatti che fra tutte le recensioni rilasciate online una abbia fatto riferimento all’adorabile cucciolo nella biglietteria e questo ha fatto si che i capi licenziassero l’uomo che non ha mai chiesto il permesso di portare il cucciolo a lavoro.

L’uomo è solo, e tutte le mattine alle 5.30 attacca a lavorare portando con se il cucciolo, in una recente dichiarazione avrebbe affermato che pur volendo non esiste un asilo per cani che apra a quell’ora e non intende lasciare il suo fedele compagno per l’intera giornata a casa da solo.

Secondo quanto riportato dal Dailymail l’uomo non si sarebbe mai posto il problema, infatti lavorando completamente da solo non ha mai pensato che portare il cane a lavoro con se all’interno del gabbiotto della biglietteria potesse essere un problema, ma a quanto pare il suo non chiedere il permesso e la recensione che ha menzionato il cucciolo di sfuggita gli sono costati il posto.

Per preservare il suo posto moltissimi utenti hanno aperto una petizione online che ha già raggiunto oltre 7.300 firme in costante aumento, le persone infatti reputano il signor Bunce e il suo adorato cane George essenziali per la comunità.

In moltissimi hanno pubblicato sul social Twitter la propria opinione in merito alla faccenda e attualmente un portavoce delle ferrovie avrebbe asserito: “Anche se non permettiamo che i cani vengano portati nei luoghi di lavoro attraverso la nostra rete, riconosciamo la forza dei sentimenti in Horsley e stiamo esaminando le circostanze individuali di questo caso”.

Loriana Lionetti