Finalmente puoi detrarre le spese veterinarie, il Bonus animali domestici che tutti aspettavano

Foto dell'autore

By Francesca Ciardiello

News

Buone notizie per i padroni di quattro zampe! Arriva il Bonus Animali domestici 2024: cos’è e come ottenerlo senza commettere errori.

Finalmente puoi detrarre le spese veterinarie, il Bonus animali domestici che tutti aspettavano
Finalmente puoi detrarre le spese veterinarie, il Bonus animali domestici che tutti aspettavano (Canva-amoreaquattrozampe.it)

Un aiuto a coloro che danno amore e si prendono cura dei nostri amici a quattro zampe (e non solo): ecco che arriva il Bonus Animali domestici per il 2024, un concreto sostegno per coprire le spese veterinarie da affrontare quando si decide di aprire le porte di casa agli animali. Ottenerlo è semplice, ma bisogna essere in possesso di alcuni requisiti: ecco quali sono le spese detraibili e quali le condizioni per poter effettuare tale detrazione.

Bonus Animali domestici 2024: i requisiti necessari per ottenerlo

Chi può richiedere il Bonus Animali Domestici? I detentori di animali o a scopo sportivo o di compagnia, certificabili con microchip. Non bisogna pensare solo a cani e gatti, poiché sono inclusi nell’elenco dei possibili beneficiari anche i detentori di uccelli (ma non si intende pollame), roditori e furetti. I principali beneficiari sono le persone over 65, che hanno un ISEE inferiore a 16.215 euro, ma in generale tutti i padroni che sostengono spese per la salute dei propri animali domestici.

Cane e soldi in bocca
Bonus Animali domestici 2024: spetta ai padroni di cani registrati all’anagrafe (Canva-amoreaquattrozampe.it)

Una volta compilato il modello 730 bisogna inserire il codice 29 nella sezione E (alla voce ‘Altre spese’), da E8 a E10. Si tratta di una detrazione fiscale pari al 19% sulla spesa eccedente i 129,11 euro fino a un massimo di 550 euro sulla spesa annuale. Oltre alla questione ‘fiscale’, un altro fattore indispensabile per ottenere la detrazione è l’aver registrato all’anagrafe gli animali d’affezione e dunque esserne detentori ufficiali e legali di essi.

Se vuoi saperne di più, leggi un nostro approfondimento sul tema >>> Aumentano le spese per cani e gatti: l’inflazione pesa anche sugli animali

Bonus Animali domestici 2024: le spese detraibili e quelle escluse

Chissà quanti si chiedono quanto costa mantenere i nostri cuccioli prima di adottarne uno: ogni anno la risposta a tale domanda varia, e purtroppo la situazione non sembra affatto migliorare. Sono numerose le lamentele per i costi troppo alti, relativi alle spese veterinarie e mediche: ed è appunto su queste che la detrazione agisce, Infatti tra le spese detraibili ci sono quelle relative a:

Gatto a visita
Bonus Animali domestici 2024: comprende le spese relative a visite e interventi (Canva-amoreaquattrozampe.it)
  • interventi chirurgici,
  • acquisto di farmaci veterinari,
  • analisi, radio e ecografie di laboratorio,
  • visite di routine o ‘improvvise’.

Ma allora quali sono le spese che non sono ‘comprese’ nella detrazione? Sebbene si tratti di oggetti importanti, come gli accessori indispensabili per i nostri piccoli animaletti o le spese relative alla loro alimentazione, queste non possono essere detratte. Ma come mai questa esclusione? Perché in realtà il Bonus è strettamente relativo alle spese che riguardano la salute dell’animale.

Gestione cookie