Home News Il video virale del cucciolo che cerca di condividere il giocattolo con...

Il video virale del cucciolo che cerca di condividere il giocattolo con il suo riflesso

CONDIVIDI

Questo cucciolo cerca di condividere il suo giocattolo con il suo riflesso pensando che sia un altro cane. Il video adorabile ha conquistato il web.

Se hai avuto una pessima giornata, ecco la soluzione, il piccolo Ozzie solleverà il tuo umore con un pieno di dolcezza.

Questo adorabile cagnolino è diventato famoso dopo che il suo video è diventato virale sul web.

La sua proprietaria, Emma Green, che vive in Georgia, ha condiviso un momento di commovente generosità.  Ozzie ha provato a condividere il suo giocattolo con un cane che poteva vedere dall’altra parte di uno specchio.

In realtà il cucciolo di tre mesi stava effettivamente cercando di condividere il pupazzo con il suo riflesso, fortunatamente anche se il suo tentativo era fallito, anche il cucciolo riflesso nello  specchio aveva un giocattolo con cui giocare.

La studentessa universitaria Emma Green ha raccontato che Ozzie andava a trovare il cagnolino riflesso nello specchio ogni giorno desideroso di giocare con lui:

“È un pazzo ma non lo vorrei in nessun altro modo. Mi fa morire quando gli viene il “sospetto” che in casa ci siano due cani “.

L’adorabile momento di Ozzie gli ha fatto guadagnare un post sull’ account Twitter WeRateDogs. Il momento di generosità del cucciolo ha raggiunto oltre due milioni di visualizzazioni e 42.000 retweet su WeRateDogs.

La padroncina ha commentato: “Non avrei mai pensato che sarebbe piaciuto così tanto,  come invece è successo.”

Oggi  Ozzie il cucciolo, ha una sua pagina Instagram personale piena di immagini adorabili dove poterlo ammirare.

Un cane riconosce se stesso guardandosi allo specchio?

Molte persone sono sconcertate dal fatto che i cani sembrano ignorare le immagini di se stessi riflesse in uno specchio.

I cuccioli giovani che si specchiano per la prima volta possono trattare l’immagine come se fosse un altro cane.

Possono abbaiare, fare un piccolo inchino, invitarlo  a giocare come se incontrassero un vero cane e si impegnassero in un’interazione sociale.

Tuttavia, dopo un po’ di tempo perdono interesse.

Successivamente, spesso sembrano trattare le loro riflessioni come se non avessero alcuna importanza.

Quando noi umani ci guardiamo allo specchio, riconosciamo immediatamente che l’immagine che stiamo guardando è la nostra. Sembra così naturale che tendiamo a non pensarci è qualcosa di speciale, tuttavia gli psicologi trattano questo come un’impresa mentale importante perché richiede l’auto-consapevolezza, che è uno degli aspetti più sofisticati della coscienza. In effetti, dobbiamo essere in grado di uscire mentalmente da noi stessi e considerarci come entità separate dal resto del mondo.

Non siamo nati con la capacità di riconoscerci negli specchi ma i cani?

Il biologo dell’Università del Colorado, Marc Bekoff, ha riconosciuto che i cani sono molto meno influenzati dagli eventi visivi rispetto agli umani e alla maggior parte delle scimmie.

Forse la difficoltà risiede nella modalità sensoriale utilizzata per testare l’auto-consapevolezza nei cani. Il senso più importante per i cani non è la vista, come nei primati, ma è l’odore. Certamente i cani sembrano riconoscere il profumo dei cani e delle persone familiari e, se hanno un senso del sé, forse piuttosto che chiedere loro di riconoscere il proprio riflesso, dovremmo chiedere loro di riconoscere il proprio profumo.

Test sperimentali per definire la qualità di auto-consapevolezza nei cani sono stati effettuati ed è stato provato che l’uso di uno specchio chiaramente non funzionerà poiché le immagini riflesse non hanno profumo e quindi non sono abbastanza reali o importanti nella mente di un cane per garantire molta attenzione.

Tipotrebbe interessare anche—>>>Il cane si affaccia nella doccia per vedere se il suo padrone è ok;

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI