Home News La concezione del tempo nel cane, molto diversa da quella degli umani

La concezione del tempo nel cane, molto diversa da quella degli umani

La concezione del tempo nel cane, per lui esiste solo il momento attuale. Il quattro zampe non pensa al passato o al futuro

Cagnolino in primo piano (Foto Pixabay)
Cagnolino in primo piano (Foto Pixabay)

Stiamo per tornare a casa e il nostro cane è pronto a farci le feste a riempirci di coccole per il nostro ritorno. Spesso diamo per scontato tale momento, ma se ci fermiamo a riflettere, possiamo scoprire un importante aspetto legato alla concezione che essi hanno del tempo. Quest’ultimo infatti è totalmente diverso dal pensiero che abbiamo noi esseri umani. Vediamo di cosa si tratta

La concezione del tempo nel cane, per lui esiste solo il presente 

Il tempo secondo i cani (Foto Pixabay)
Il tempo secondo i cani (Foto Pixabay)

Siete curiosi di scoprire qual è la concezione del tempo secondo gli animali? Ora resterete sorpresi di sapere che il loro concetto si distacca dal nostro. Per gli animali infatti non esiste passato o futuro ma solo il presente. Essi non hanno la coscienza del tempo come l’abbiamo noi, ma questo non vuol dire che non hanno nessun tipo di ricordo. Il loro sistema mnemonico è del tutto diverso da quello degli esseri umani. Gli animali pensano ad un ricordo solo quando ricevono un segnale che gli fa attivare quel determinato periodo che hanno vissuto nel passato. Questo però succede solo nel momento in cui ricevono un determinato segnale che gli attiva un tipo di ricordo. Tutto ciò si verifica solo nel presente, anche se per noi è di difficile comprensione. Questo aspetto lo possiamo capire solo prendendo un esempio come punto di riferimento. Potremmo prendere come esempio il saluto festoso che Fido ci rivolge quando torniamo a casa, rispetto a quando usciamo. L’attimo in cui il padrone sale sull’auto per lasciare l’abitazione significa che è andato via.

Potrebbe interessarti anche: I nostri comportamenti con cui diciamo che il cane è parte della famiglia

Per il cane esiste solo quel momento, senza nessun pensiero sulla durata dell’uscita oppure su presupposizioni da fare per il ritorno del proprio proprietario. Infatti, il rientro del padrone a casa accende in lui i ricordi positivi del tempo trascorso insieme che lo fa esultare per il suo arrivo. Rivedere il padrone riaccende i ricordi dei bei momenti trascorsi insieme che gli fa assumere un’espressione del tutto felice e spensierata. Lo stesso accade con il futuro. Fido sa che qualcosa sta per accadere solo nel momento in cui suscita in lui il ricordo di ciò che è già successo. Il nostri amico a quattro zampe non pensa al pranzo o alla cena durante il giorno ma quando il padrone prende le crocchette perché sa che quella è il suo pranzo o la sua cena.

Certamente, il loro atteggiamento ci induce ad una riflessione su come bisognerebbe vivere la vita quotidianamente.

Pensare solo al presente, concentrarci su quello che stiamo vivendo, senza soffermarci troppo sul passato o sul futuro.

 

Benedicta Felice