Home News L’angosciante e prolungata sofferenza del cane maltrattato in strada (Foto)

L’angosciante e prolungata sofferenza del cane maltrattato in strada (Foto)

Un uomo è stato ripreso dalle telecamere di sicurezza mentre picchiava incessantemente un cagnolino causandogli un’enorme sofferenza. L’uomo è stato arrestato e non potrà più avere animali.

L’angosciante e prolungata sofferenza del cane maltrattato in strada (Foto Facebook)

Un uomo di 26 anni è stato finalmente condannato per i suo crudele gesto nei confronti del suo cagnolino di soli due anni, l’uomo era stato immortalato dalle telecamere mentre senza alcuna pietà continuava a scagliarsi con violenza contro il piccolo.

L’atto di crudeltà e brutalità è avvenuto fuori da un negozio in Clive Street in agosto, l’uomo era stato infatti ripreso dalle telecamere mentre senza pietà si scagliava contro Red, un bulldog americano di due anni per oltre 5 minuti.

La sofferenza del cane restato in strada

L'angosciante e prolungata sofferenza del cane maltrattato in strada (Foto Facebook)
L’angosciante e prolungata sofferenza del cane maltrattato in strada (Foto Facebook)

Dal filmato si può infatti vedere l’uomo che in rapida successione prende a pugni il cane per 8 volte consecutive sulla testa, per poi lanciare contro il piccolo di soli 2 anni una bottiglia mentre il cane indifeso e terrorizzato non può far altro che nascondersi sotto una panca dove l’uomo si arrampica per calpestarlo.

Il filmato riprende il cane che si accucciava impaurito  più volte, e che nonostante tutto per più volte torna nuovamente, andando incontro all’uomo che nonostante sia il suo aguzzino è la persona che ama di più.

Vedendo il filmato un uomo che è rimasto anonimo ha denunciato l’uomo artefice del pestaggio alla polizia identificandolo.

Immediatamente l’RSPCA si è recata dal proprietario del cane Red e l’ha portato in salvo arrestando il 26enne. L’umo è stato successivamente condannato a 9 mesi e non potrà avere animali per circa 3 anni.

Attualmente il cane è sotto le cure dell’RSPCA e Kylie Green, ispettore RSPCA ha affermato che il video era davvero troppo cruento da guardare o da diffondere in rete.

Sui social sono stati infatti diffusi solo alcuni frammenti e su un post dell’RSPCA è stato scritto : “Un selvaggio attacco a un American Bulldog, catturato dalle telecamere a circuito chiuso, ha portato un uomo di Katanning a dichiararsi colpevole di crudeltà sugli animali”

Mentre Kylie Green avrebbe asserito : “È chiaro quanto sia spaventato Red ma, come molti cani, vuole ancora fare come gli è stato detto e compiacere il suo proprietario, quindi torna strisciando indietro”.

“Questo è stato un atto di violenza palese e disgustoso e un chiaro abuso di potere.”

“Non c’è mai una scusa per ferire intenzionalmente un animale e sono contento che abbiamo aiutato a ottenere giustizia per Red oggi”.