Home News Veterinario racconta la terribile esperienza con una malattia mortale per i cani

Veterinario racconta la terribile esperienza con una malattia mortale per i cani

Il veterinario ha raccontato la sua orribile esperienza vissuta di recente: la malattia mortale si è portata via la vita di due cani.

eutanasia cani
Cane con veterinario (YouTube – NBC Montana)

Anche i cani possono ammalarsi e come avviene anche per le persone, il percorso che si affronta insieme a loro è difficile e tortuoso. La dottoressa Maddie Hayward, veterinaria a Florence (Stati Uniti), ha dovuto prendere la difficile decisione di praticare l’eutanasia al suo cane di 2 anni, Aspen, che è risultato positivo alla brucella canis, una malattia terminale.

La malattia mortale che colpisce i cani: il racconto della veterinaria

malattia mortale cane
Aspen (Facebook – Maddie Penner Hayward)

Durante la sua carriera di veterinaria, Hayward ha dovuto praticare l’eutanasia a molti animali domestici, tutte le volte per il bene dell’animale, per porre fine al dolore e alle loro giornate difficili. Ma per Aspen è stato diverso. Poiché nell’apparenza, la sua cagnolina Aspen sembrava perfettamente sana e non malata, quindi sopprimerla è stato estremamente difficile da sopportare.

Ti potrebbe interessare anche >>> Investito nella notte, l’hanno trovato agonizzante dopo ore: la corsa in clinica

Sembrava sana, perfettamente sana. Il giorno in cui abbiamo dovuto sopprimerla, l’ho portata fuori e ho tirato la palla finché il mio braccio non si è stancato. È difficile spiegare a due bambini che è malata all’interno, mentre lei corre in cerchio e salta, e non sembra malata“, ha raccontato la veterinaria di Florence. Devastata da un esito terribile per quello che sembrava un cane perfettamente sano, ha cercato di condividere la sua storia e di diffondere la consapevolezza.

Ti potrebbe interessare anche >>> Jackson il gatto rifiutato da tutti perché non ama giocare a lungo – FOTO

La brucella canis è una malattia altamente trasmissibile sia tra gli animali che agli esseri umani, ma anche relativamente sconosciuta, anche se è più diffusa di quanto si pensi. Può essere trasmessa attraverso ambienti contaminati e rifiuti di altri cani. Gli animali infetti possono non manifestare sintomi, quelli che lo fanno possono avere parti del corpo morte, rigidità, dolori alla schiena, infezioni agli occhi o alla pelle. Il trattamento della malattia prevede una terapia antibiotica combinata di quattro/otto settimane, se l’animale può tollerare le dosi elevate, che potrebbero causare insufficienza renale o causare l’insorgenza di altre malattie.

Anche con il costoso trattamento, c’è la possibilità che l’animale non risulti più negativo al test, anche a distanza di mesi, ma costringe il cane a rimanere in quarantena per il resto della sua vita per non mettere a rischio altri cani o persone. Della malattia non si sa molto ancora, poiché lo screening viene effettuato in genere solo prima della riproduzione di un animale. La veterinaria raccomanda quindi di sottoporre i propri animali al test ogni sei/dodici mesi, il quale è anche poco costoso rispetto al trattamento.

SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE | TWITTER

Vorrei che nessun altro dovesse passare quello che ha passato la mia famiglia“, ha concluso Hayward. Nel tentativo di sensibilizzare l’opinione pubblica e aiutare la comunità, la veterinaria ha scontato fortemente il costo dei test presso il suo ospedale per animali per garantire la sicurezza delle famiglie e dei loro animali.