Home News Mamma e figlio sparano al cane del vicino e lo portano lontano...

Mamma e figlio sparano al cane del vicino e lo portano lontano da casa

Una madre e un figlio sono stati arrestati dalle autorità per aver sparato ad un cane e non solo. Nonostante i molteplici reati commessi la coppia sarebbe stata liberata lunedì.

Mamma e figlio sparano al cane del vicino e lo portano lontano da casa
Mamma e figlio sparano al cane del vicino e lo portano lontano da casa

Robin Lorraine Wright, di 66 anni, e Matthew James Wright, di 30 anni, entrambi di Grass Valley, sarebbero madre e figlio ed entrambi sono stato accusati di crudeltà verso gli animali, furto di un cane e cospirazione per commettere un crimine.

La donna dovrebbe affrontare anche ulteriori accuse relative all’aver minacciato con l’intento di terrorizzare esibendo un’arma da fuoco molte persone.

Il ragazzo invece oltre ai capi d’accusa sopra elencati è anche accusato di aggressione con un’arma da fuoco e rilascio intenzionale di un’arma da fuoco con grave negligenza, secondo quanto affermato nei rapporti della prigione della contea del Nevada.

Prima del processo per entrambi è stata emessa una cauzione che lunedì è stata pagata liberando la donna con una cauzione di 15.000 dollari e il ragazzo con 25.000 di cauzione, secondo i rapporti della contea .

Mamma e figlio sparano al cane del vicino

Mamma e figlio sparano al cane del vicino e lo portano lontano da casa
Mamma e figlio sparano al cane del vicino e lo portano lontano da casa (Foto Pixabay)

Secondo un comunicato stampa delle autorità, entrambi avrebbero partecipato ad una sparatoria in Restive Way dove un barboncino sarebbe rimasto ferito dai colpi d’arma da fuoco, secondo quanto riportato nel comunicato stampa il cane sarebbe stato portato dal  veterinario ma non sono note le sue condizioni.

Secondo il portavoce dell’ufficio dello sceriffo Andrew Trygg, alcuni agenti avrebbero risposto intorno alle 15 di domenica pomeriggio alla chiamata che riferiva di alcuni spari, e di una donna che urlava nell’isolato 24000 di Restive Way.

“Mentre gli agenti stavano rispondendo, il nostro centro di spedizione ha ricevuto un’ulteriore chiamata da una donna che ha riferito che il suo cane era stato colpito da colpi di arma da fuoco dai suoi vicini”.

Immediatamente gli agenti sono arrivati sul luogo e hanno parlato con le persone coinvolte compresi mamma e figlio, che affermavano che non vi era stata alcuna sparatoria.

Gli agenti hanno compreso che entrambi nascondevano qualcosa e quindi iniziato a cercare il cane, ma non l’hanno trovato finche non sono  potuto entrare oltre i limiti consentiti da madre e figlio fino all’arrivo del mandato di perquisizione, dove hanno visto alcune macchie di sangue.

“Durante una secondo colloquio, Matthew Wright ha confermato di aver sparato due volte a un barboncino che si trovava nella sua proprietà, a quel punto è stato arrestato senza incidenti”.

Gli agenti, ancora sulla scena, hanno ricevuto una chiamata sul barboncino che corrispondeva alla descrizione del cane scomparso. Hanno trovato il cane  poco distante, su Garden Bar Road e lo hanno restituito ai suoi proprietari, che lo hanno portato immediatamente dal veterinario.

Si poteva pensare che il cane ferito e spaventato fosse  fuggito per scappare dalla situazione, ma non era così.

Il cane che aveva come unica “colpa ” quella di essere entrato nella proprietà degli   individui doveva essere dolorante e spaventato .

Secondo quanto riportato la polizia avrebbe compreso immediatamente che entrambi nascondevano altro, infatti  la donna si sarebbe allontanata  per poi tornare nella proprietà dal figlio, e a quanto pare, avrebbe portato via con se il barboncino ferito.

Secondo il portavoce dell’ufficio dello sceriffo infatti la donna sarebbe stata identificata “mentre lasciava la proprietà con il barboncino nel suo veicolo dopo la sparatoria” “A seguito dell’intervista sul posto, la donna è stato arrestata”.

Il fatto che attualmente entrambi sia liberi su cauzione non significa che non dovranno affrontare un processo e rispondere della loro crudeltà

Mariano Orlacchio