Home News Megalodonte: scoperto come si è estinto il preistorico mega-squalo

Megalodonte: scoperto come si è estinto il preistorico mega-squalo

CONDIVIDI

Una supernova potrebbe essere la causa dell’estinzione dello squalo preistorico, il megalodonte.

Ciò che emerge da questo recente studio riapre un capitolo avvenuto ben più di 2 milioni di anni fa. Esso suggerisce che una supernova potrebbe aver portato all’estinzione del colosso marino e non una roccia cosmica di notevole grandezza, come si supponeva fino ad ora.

Radiazioni da stelle che esplodono

La supernova avrebbe causato una pioggia di muoni, una particella elementare simile a un elettrone ma che è più di 200 volte più pesante.  La particella cosmica penetrò in profondità sotto la superficie dell’oceano accumulando quantità letali di radiazioni che avrebbero ucciso i grandi animali marini che lo popolavano, tra cui il Megalodonte.

Il ricercatore dello studio Adrian Melott, un fisico dell’Università del Kansas, e i suoi colleghi hanno pubblicato lo studio sulla rivista Astrobiology, che proverebbe che una o più stelle esplosive di 2,6 milioni di anni avrebbero contribuito all’ evento di estinzione di massa che colpì le creature fiorenti negli oceani preistorici.

I ricercatori hanno affermato che le radiazioni delle stelle esplose, distanti 160 anni luce, potrebbero essere state troppe per l’atmosfera e le creature della Terra.

Melott ha spiegato che al di sotto di pochi metri dalla superficie dell’oceano, l’acqua normalmente fa da scudo alle radiazioni, ma non è riuscita a isolare i muoni.

Per questo motivo, le creature marine, che solitamente erano isolate dalle radiazioni, si sono ritrovate improvvisamente ad essere esposte a grandi quantità di esse.
A differenza delle creature terrestri, tuttavia, questi animali marini non hanno probabilmente una buona difesa contro le radiazioni. Pertanto, il picco nei livelli di muoni può aver causato la mutazione e il cancro in queste creature.

“È ragionevole ipotizzare che questo aumento del carico di radiazioni possa aver contribuito a un’estinzione megafaunale marina appena documentata in quel momento”, hanno scritto i ricercatori nel loro studio.

Più grandi erano le creature marine più vulnerabili erano all’effetto dell’esposizione al muone

I ricercatori hanno affermato che creature marine più grandi, come il megalodonte, potrebbero essere state più vulnerabili all’effetto dell’esposizione del muone a causa dell’inversione di Matuyama-Gauss, che ha innescato i poli magnetici della Terra circa 2,6 milioni di anni fa.

“L’inversione magnetica aumenterebbe l’esposizione del muone”, ha detto Melott. “Normalmente, i raggi cosmici di bassa energia sono deviati dal campo magnetico e per lo più si avvicinano ai poli, ma se si ha un’inversione magnetica, hanno un impatto su tutto il luogo.”

Ti potrebbe interessare anche—>>>Australia: gli squali si stanno estinguendo, popolazione in calo costante

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI