Home News Padova, è caccia al serial killer di cani: Centopercentoanimalisti dichiara guerra

Padova, è caccia al serial killer di cani: Centopercentoanimalisti dichiara guerra

CONDIVIDI
Foto – Centopercentoanimalisti

Centopercentoanimalisti scende sul sentiero di guerra e decide di scagliarsi con tutte le sue forze contro il serial killer di cani che sta agendo impunemente a Mestrino, in provincia di Padova. Il movimento animalista, famoso per le azioni eclatanti che è solito mettere in atto, fa sapere cosa sta accadendo nel piccolo centro veneto e descrive anche le iniziative che ha deciso di intraprendere contro questo malato e pericoloso individuo. Centopercentoanimalisti scrive sul proprio sito web:

A Mestrino (Padova) da un paio di settimane un maniaco criminale sparge veleno nei giardini delle case dove vivono Cani, nelle proprietà e ora anche lungo i marciapiedi. Si tratta di globuli azzurri di un lumachicida, un veleno che provoca morte orribile, e incoscientemente viene venduto presso molti supermercati, dove chiunque può acquistarlo.

Finora numerosi Cani lo hanno ingerito: sei sono stati salvati con pronte cure, uno, un Cucciolo che viveva con una coppia di anziani, è morto. Non ci sono parole sufficienti ad esprimere tutto il disprezzo e l’odio per chi compie azioni così infami e vigliacche.

Spargere veleno è vero e proprio terrorismo. La Polizia Locale è all’opera per individuare il responsabile. Anche militanti di CENTOPERCENTOANIMALISTI stanno monitorando la zona, raccogliendo informazioni, ma soprattutto effettuando ronde notturne…

Nella notte tra il 29 e 30 dicembre in centro a Mestrino, ma soprattutto nelle zone segnalate, oltre alle ronde, sono state “appoggiate” locandine di “avvertimento” molto esplicite, rivolte al serial killer. Prima o dopo questo spregevole essere verrà scoperto”.

Sempre in provincia di Padova, lo scorso settembre, Centopercentoanimalisti era intervenuto per intimidire e dare la caccia ad un altro serial killer, questa volta di gatti. Purtroppo durante il 2016 non sono mancati i casi di maltrattamento e peggio ai danni degli animali, così come non rari sono stati gli episodi di maniaci che hanno colpito dei poveri ed indifesi quattrozampe.