Home News River, il cane abbandonato nel fiume: arrestati due giovani

River, il cane abbandonato nel fiume: arrestati due giovani

CONDIVIDI
River
(Facebook/CNY SPCA)

La storia di River, il cane abbandonato nel fiume: arrestati due giovani, l’animale ritrovato e salvato, ecco come sta adesso.

River, il cane che è stato lasciato abbandonato vicino al Canale Erie a Roma, nello Stato di New York (Usa), è ora pronto per l’adozione. L’animale è stato trovato abbandonato accanto al canale Erie il 30 luglio e ora sembra che stia lentamente migliorando. Il cane si nutre autonomamente e ha superato i test di temperamento obbligatori. È programmato per essere sterilizzato e quindi verrà messo in adozione presso la SPCA di Syracuse.

Leggi anche –> Abbandono cani: cosa ne pensano i bambini?

Il ritrovamento e il salvataggio di River

WKTV riferisce che i due uomini arrestati per aver presumibilmente legato River a un tronco sono stati accusati di abbandono di animale. Il reato viene considerato molto grave in quello Stato americano. Le persone arrestate sono due ragazzi di 23 anni. “Era appeso al tronco con i suoi piedi anteriori, con la testa appoggiata”, ha raccontato chi ha trovato il cane, un meticcio tra un pastore e un husky.

Il passante ha segnalato l’accaduto alle forze dell’ordine e un poliziotto giunto sul posto ha disimpegnato il cane e l’ha portato al Central New York SPCA (CNY SPCA), che gestisce i casi di crudeltà sugli animali e negligenza nel distretto. Dee Schaefer, che lavora al CNY SPCA, ha spiegato che il cane rischiava di morire affogato. Quindi ha aggiunto: “Era nervoso quando è arrivato, ma è davvero uscito dal suo guscio negli ultimi due giorni che è stata qui. È un cane assolutamente meraviglioso. Molto, molto dolce”.

Leggi anche –> Estate 2018: aumentano gli abbandoni di cucciolate

Come sta River oggi?

All’età di 1 anno, River è una sfera di energia, pronta a giocare in qualsiasi momento. Nonostante quello che ha passato, rimane un cane fiducioso e felice. Ma i volontari del rifugio chiedevano giustizia per il cane abbandonato in quel modo. Senza microchip o indizi sulla vita passata di River, gli investigatori hanno rilasciato la sua foto alle cronache locali nella speranza che qualcuno potesse identificare il cane o il suo proprietario.

Rapidamente è emerso che il proprietario dell’animale avrebbe pagato un suo coetaneo per liberarsi dell’animale: la vita di River valeva appena 50 dollari. “Semplicemente non voleva più il cane, e invece di portarlo in uno dei due rifugi della zona hanno deciso di legarla”, ha detto Schaefer.