Seduto sulla tastiera del pc, gatto fa partire per sbaglio un acquisto online di rosmarino

Foto dell'autore

By Elisabetta Guglielmi

News

In Inghilterra un gatto si è seduto sulla tastiera del computer e ha fatto partire per sbaglio un acquisto online: il suo umano adesso ha la casa piena di rosmarino.

Gatto computer tastiera rosmarino
In Inghilterra un gatto si è seduto sulla tastiera del computer e ha fatto partire per sbaglio un acquisto online: i suoi umani adesso hanno la casa piena di rosmarino (Screenshot Foto di IRCat da Pixabay – amoreaquattrozampe.it)

Al giorno d’oggi ormai nelle case dei paesi più ricchi al mondo è un continuo via vai di corrieri che portano oggetti acquistati online. Le persone trascorrono infatti diverse ore delle loro giornate effettuando gli acquisti su Internet: rimanendo comodamente seduti davanti a uno schermo di un computer fanno partire gli ordini e fanno arrivare a casa loro qualsiasi merce di cui hanno (o credono di avere) bisogno. A volte i pacchi che ricevono sono sbagliati e sono costretti a rimandarli indietro se non corrispondono a quanto avevano chiesto, a volte anche se non è esattamente ciò che avevano ordinato sono costretti a tenerlo, soprattutto se quel determinato tipo di merce è stato realmente ordinato da un membro della famiglia, come ad esempio… il gatto di casa.

Scorte di rosmarino assicurate: un gatto, seduto sulla tastiera del PC, le ordina per sbaglio su Internet

acquisti online gatto computer
In Inghilterra gli umani di un gatto si sono ritrovati la casa piena di rosmarino: ad acquistarlo il loro felino che si è seduto sulla tastiera del computer e ha fatto partire per sbaglio l’ordine (Screenshot Foto di IRCat da Pixabay – amoreaquattrozampe.it)

SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE TWITTER

Lo ha imparato a proprie spese un cittadino britannico, Paul Kissack, che lavora come amministratore delegato per un ente di beneficenza della Joseph Rowntree Foundation. Quando pochi giorni fa il corriere ha suonato alla sua porta per consegnargli quindici pacchetti di rosmarino fresco e quattro piantine sempre di rosmarino, l’uomo ha cercato di spiegare che lui non aveva mai ordinato delle piante aromatiche: «Ci deve essere un errore, forse uno scambio di indirizzo. Io non ho mai ordinato nulla del genere».

Ti potrebbe interessare anche >>> “Attrazione turistica” amata da migliaia di visitatori: il gatto Gacek (VIDEO)

Dopo aver effettuato un controllo è risultato però che l’acquisto era realmente stato fatto a suo nome ed era partito proprio dal suo computer portatile. Paul non ha impiegato molto a ricostruire la vicenda e a comprendere come si erano svolti i fatti. Pochi giorni prima l’uomo stava selezionando, come ogni settimana, i prodotti alimentari sul sito del negozio online Sainsbury’s quando, per alcuni minuti, si è assentato dalla scrivania su cui era appoggiato il suo computer. Ritornando poco dopo nella stanza, Paul ha trovato il suo gattino seduto sopra alla tastiera del computer come è solito fare tutti i giorni.

Ti potrebbe interessare anche >>> Gattino testardo prova in ogni modo a convincere il fratello maggiore – VIDEO

Senza controllare nuovamente l’ordine, l’uomo ha completato gli acquisti e pagato la cifra richiesta. In realtà, in quel frangente di tempo in cui era rimasto seduto sulla tastiera del computer, il micetto aveva schiacciato inavvertitamente alcuni tasti, finendo per determinare del tutto casualmente lo strano acquisto. Così ha commentato Paul: «Evidentemente il gatto si è seduto sulla tastiera del computer a metà dell’ordine. La prossima volta controllerò meglio il carrello al momento del check-out e del pagamento». Condividendo quanto avvenuto in un tweet, l’uomo ha ottenuto oltre un milione e mezzo di visualizzazioni in pochissimo tempo. L’acquisto, costato quasi 14 sterline, in fondo si è rivelato utile per più motivi. Oltre ad aver fornito la casa di profumate erbe aromatiche sempre utili in cucina, ha ricordato a Paul l’importanza di ricontrollare ogni volta gli ordini prima di effettuare un pagamento. (di Elisabetta Guglielmi)

Gestione cookie