Home News Sequestro record, salvati 80 cani destinati ai combattimenti clandestini

Sequestro record, salvati 80 cani destinati ai combattimenti clandestini

Sequestro da record, salvati 80 cani destinati ai combattimenti clandestini, operazione incrociata per smascherare l’enorme giro d’affari

Pitbull
Sequestro record, salvati 80 cani destinati ai combattimenti clandestini (Foto Pixabay)

Siamo nel 2022 o forse no? A volte è difficile credere a quello che leggiamo dalle cronache del giorno eppure ancora una volta non parliamo di fantascienza, l’avvenimento è avvenuto Domenica scorsa, 25 Settembre, nella contea di York in Pennsylvania ed ha portato alla luce un giro d’affari milionario basato proprio su spaccio e combattimenti clandestini tra cani.

Per sgominare l’organizzazione vi è stato bisogno di un lavoro incrociato tra diversi organi di controllo di stato ed il blitz ha portato alla luce molto più di quello che si era ipotizzato, ben 50 Pitbull e 30 Beagle destinati a combattimenti clandestini sono stati salvati ma quello che si nascondeva dietro ha portato anche ad altro, una vicenda davvero incredibile e tutto veniva svolto quasi alla luce del sole.

Giro di combattimenti clandestini, allevamento illegale e droga, chieste pene severissime al tribunale

Sequestro record, salvati 80 cani destinati ai combattimenti clandestini (Foto Pixabay)
Sequestro record, salvati 80 cani destinati ai combattimenti clandestini (Foto Pixabay)

L’operazione in questione è stata coordinata dal Dipartimento per l’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) e dalla State Law Enforcement Division (SLED) insieme alle forze dell’ordine della contea di York.

La banda era tenuta d’occhio già da un po’ di tempo ed a seguito dei tanti movimenti sospetti lo sceriffo ha potuto richiedere un mandato di perquisizione di diverse proprietà, quello che è venuto fuori tuttavia andava ben oltre le aspettative.

Durante le ricerche sono stati trovati ben 50 cani di razza Pitbull e 30 di razza Beagle, la selezione era fatta in modo che i cani migliori fossero destinati alla vendita mentre per gli altri meno fortunati il destino avrebbe riservato anni di torture e lotte clandestine.

Nelle proprietà perquisite inoltre sono stati trovati quantitativi importanti di droghe, beni rubati e narcotici vari.

Tutto è stato sequestrato, ovviamente anche i poveri animali che sono poi stati smistati in diversi rifugi della contea in attesa di essere affidati ad una famiglia che finalmente posso regalargli soltanto l’amore che meritano.

Lo sceriffo della contea con un appello ha invece esortato il tribunale ad essere intransigente e ad emettere la pena massima per i malviventi, non possiamo che unirci al suo appello, sperando davvero che scene di crudeltà gratuita come questa non saremmo costretti a commentarle ancora.