Home News Strage animali: 292 coccodrilli uccisi per vendetta. Erano una specie protetta

Strage animali: 292 coccodrilli uccisi per vendetta. Erano una specie protetta

CONDIVIDI
strage animali
Massacro di coccodrilli

Per vendetta fanno una strage di animali

Folla inferocita in Indonesia per vendicare una persona compie una strage di coccodrilli. Un abitante del villaggio è stato ucciso mentre stava raccogliendo delle verdure nei pressi di un santuario dove sono custoditi coccodrilli, appartenenti ad una specie protetta.

Dopo la morte del loro compaesano, gli abitanti, per vendetta, hanno scatenato una vera e propria follia collettiva. La folla inferocita si è scagliata contro gli animali, uccidendo oltre duecento esemplari.

Le stesse forze dell’ordine e i rappresentanti delle istituzioni, intervenuti sul posto non sono riusciti ad impedire il massacro.

In Indonesia, il coccodrillo di Nuova Guinea è una specie protetta. Uccidere un esemplare è un reato punibile con la multa o la reclusione.

Animali vittime

“Un dipendente ha sentito qualcuno gridare aiuto e ha poi visto un uomo attaccato da un coccodrillo”, ha dichiarato il capo del dipartimento di conservazione della fauna selvatica.

Gli abitanti del villaggio in cui viveva la vittima, armati di coltelli, pale, martelli e mazze dopo il corteo funebre si sono diretti nel santuario per uccidere gli animali.

In totale, ben 292 coccodrilli sono stati massacrati.

Come sempre, a rimetterci sono gli animali. Nonostante sia nella loro natura stessa, non vengono rispettati. Si tratta sempre della stessa problematica quella della convivenza con specie selvatica. L’uomo invade l’habitat di queste specie e pretende di sottometterle, senza rispettare i loro spazi e la loro natura.

In tal caso, la vittima aveva invaso il territorio dei coccodrilli, recandosi all’interno del santuario per raccogliere delle verdure. Se quella persona non avesse oltrepassato il confine molto probabilmente non sarebbe morta.

Invece, non solo vi è stato un palese errore umano, ma le conseguenze dello sbaglio è ricaduto sugli animali.

Le immagini che documentano la strage sono raccapriccianti. Una montagna di corpi senza vita di coccodrilli di diverse dimensioni. Molti dei quali di piccola taglia. Dalle immagini, si vede chiaramente che non si tratta di esemplari di 6 metri. Una vendetta che si potrebbe dire è stata alquanto facile per quei cittadini.

C.D.