Home News Uccelli: come riconoscere le specie protette e i loro canti

Uccelli: come riconoscere le specie protette e i loro canti

CONDIVIDI

Scoprire il canto degli uccelli che popolano le nostre campagne

Il loro canto è un inno alla primavera e alla vita. “Galleggia in alto un cinguettìo canoro”, come descriveva il Pascoli nel poemetto “La calandra”. Anticamente era consuetudine riconoscere il canto degli uccelli. Ogni cinguettio aveva un nome, quello della specie e che poteva variare in base ai dialetti. Quel canto ancora oggi continua a meravigliare nonostante sia passato ormai in secondo piano nel frastuono delle città. Lo si può ritrovare nelle campagne, in un parco oppure quando ad un tratto il rumore dei motori si spegne nella tarda sera.

Gli uccelli evocano la poesia. Simbolo della libertà regnano sui nostri cieli a nostra insaputa. Al contempo sono creature fragili e delicate che riescono a percorre ogni anno, migliaia di chilometri durante le migrazioni. Un fenomeno affascinante che va tutelato e protetto

In base alla legge 157 del 1992, gli uccelli selvatici sono “bene indisponibile” dello Stato e sono pertanto tutelati. Alcune specie sono protette perché in declino o minacciate di estinzione.

Le specie a rischio sono presenti in una Direttiva Uccelli della Commissione europea approvata 1979 e recepita dall’Italia.

In totale sono 98 le specie di uccelli a rischio e pertanto soggette a “speciali misure di conservazione”.

Specie che non possono essere cacciate e alle quali è vietatissimo rimuovere il nido. Oltre alle regolamentazioni, la direttiva prevede anche alcune linee di intervento mirate alla conservazione come la protezione dell’habitat fino al ripristino delle popolazioni, con ad esempio la reintroduzione di alcune specie.

Specie esposte alla riduzione dell’habitat, all’inquinamento, al bracconaggio e ai cambiamenti climatici. Effetti devastanti che si ripercuotono sulla sopravvivenza di questi uccelli.

Come ricorda la Lega Italiana Protezione Uccelli L- ipu, “la conoscenza approfondita delle singole specie rappresenta già di per sé un’azione di conservazione essenziale e propedeutica a qualsiasi forma di intervento diretto per la salvaguardia o il ripristino degli ecosistemi”.

Per questo, la Lega Italiana Protezione Uccelli ha anche avviato un progetto utile e molto interessante da esplorare. Uno schedario delle 98 specie a rischio, con fotografie e descrizione della specie, la mappa della distribuzione sul territorio italiano e anche fornendo una registrazione del loro canto per poter riconoscere il loro canto.

Strumenti utili, per scoprire un universo che viene spesso dimenticato.

Ecco il link dove trovare le specie protette e ascoltare il loro canto, clicca: Lipu Uccelli specie protette in Italia

C.D.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI