Home News Uccello rimasto orfano segue una donna, si tratta di un avvoltoio

Uccello rimasto orfano segue una donna, si tratta di un avvoltoio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:49
CONDIVIDI

Un uccello rimasto orfano troppo presto riceve aiuto da una donna, il piccolo in questione è un esemplare di avvoltoio

avvoltoio orfano
L’avvoltoio rimasto orfano (Screenshot Video)

I cuccioli hanno sempre bisogno di amore, soprattutto se perdono i loro punti di riferimento troppo presto, come nel caso di questo volatile.

Lev è una donna che ama gli animali e in particolar modo gli uccelli. In molte occasioni la giovane si è ritrovata a soccorrere esemplari che avevano bisogno di aiuto, ma non avrebbe mai immaginato che, un giorno, tra questi ci sarebbe stato perfino un avvoltoio.

La donna ha trovato due piccoli avvoltoi nei pressi della sua abitazione, lo scorso aprile.
“Non avevo mai avuto alcun tipo di contatto con questi uccelli e, un po’ come la stragrande maggioranza delle persone, ero un po’ spaventata dalla loro figura”.

Ma grazie a quell’incontro, Lev ha scoperto che i pregiudizi su questi splendidi esemplari, probabilmente dovuti al loro aspetto, sono immeritati.

Potrebbe interessarti anche: Australia, trovato da solo e impaurito: salvato un cucciolo di koala – VIDEO

La tenera storia di un avvoltoio rimasto orfano

avvoltoio segue donna
L’avvoltoio rimasto orfano (Screenshot Video)

Inizialmente la donna non si avvicinava ai due uccelli per il timore che la madre fosse nei paraggi. Ma poco tempo dopo, uno dei due piccoli è morto e da allora Lev ha deciso di tenere costantemente sotto controllo l’altro avvoltoio.

La prima cosa di cui si è accertata è se il piccolo venisse sfamato dalla madre, ma dopo giorni di monitoraggio della mamma nessuna traccia. Fino a che l’uccello ha preso l’iniziativa, si è diretto verso la casa e vi è entrato, spaventando la donna e il suo compagno. A quel punto la giovane non aveva più alcun dubbio che il volatile aveva bisogno di aiuto.

Supponendo che fosse affamato e assettato, Lev ha provato a dargli del tonno. L’avvoltoio si è avvicinato ma non ha toccato cibo, il messaggio era chiaro aveva sete.
“Gli ho dato dell’acqua e ha bevuto quasi l’intera ciotola.”

Da quella volta, quando l’uccello aveva fame si presentava nel giardino della donna, sempre fornito di acqua e spuntino. All’avvoltoio è stato dato il nome di Gerar. Anche se sembra “insolito” come animale da affezione tra i due è nata una forte sintonia e il piccolo cerca di non stare mai troppo lontano da lei.

“Mi segue come un cucciolo. Gli piace stare con me, quindi rimane appollaiato sul pergolato per ore. Capisce anche quando lo chiamo, e vola giù per starmi vicino”.

Ovviamente con il trascorrere del tempo, il piccolo è cresciuto e ha cominciato a diventare sempre un po’ più autonomo, fino a quando un giorno ha spiccato il volo e non ha fatto più ritorno per il suo spuntino.

Nonostante la donna abbia sofferto il suo distacco, sapeva che era giusto così. Anche se ha fatto parte della sua vita per poco tempo, l’avvoltoio ha avuto un’influenza enorme su Lev e sulla sua famiglia, facendo completamente rivalutare questo animale.

“È diventata una celebrità tra i miei amici e la cosa più incredibile è che la maggior parte delle persone ha iniziato a vedere gli avvoltoi sotto una luce diversa. Non come uccelli ‘brutti’, ma come esemplari maestosi ed eleganti!
Volevo che le persone andassero oltre i propri pregiudizi e credo di esserci riuscita”.

M. L.