Home News Vasto, Peppino: il bambino di 12 anni che dona i soldi al...

Vasto, Peppino: il bambino di 12 anni che dona i soldi al canile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:36
CONDIVIDI

A Vasto un bambino di nome Peppino ha deciso di farsi regalare un bel bottino per il suo compleanno: il tutto, però, donato al canile.

peppino dona soldi canile
Peppino e i cani del canile di Vasto (Fonte Facebook)

I bambini sanno essere davvero generosi. Molto spesso, ovviamente, tutto può dipendere anche dall’insegnamento che viene dato loro. E in questo, scuola e genitori, hanno un gran da fare. Un compito arduo, di certo difficile da portare a termine, ma che deve essere fatto, per far sì che in futuro ci siano quello che tutti chiamano (e forse vorrebbero vedere) “mondo migliore”. Vasco Rossi ci ha inciso una canzone sopra.

Se il bambino poi, cresce con determinati principi, è molto probabile che li rimescoli o li riproponga in diversi ambiti. La scuola, le amicizie, la stessa famiglia e perché no… anche il mondo animale. Anzi, qui apriamo davvero un mondo: i bambini, quando sviluppano da subito una certa sensibilità nei confronti delle problematiche planetarie, non sono di meno ha metterla in evidenza anche nel mondo animale. Questo “regno” li attira, perché in loro vedono un contatto speciale, un modo di comunicare diverso. Un mix di aspetti, sentimenti e  propensioni che possono far avverare delle piccole sorprese: come quella di Peppino C., il bambino che per il suo compleanno ha voluto donare i soldi ricevuti al canile di Vasto.

Ti potrebbe interessare anche: Come si diventa volontari di un canile o gattile e quali capacità occorrono

Un piccolo grande bambino (uomo): Peppino e i suoi risparmi donati al canile di Vasto

peppino dona soldi canile
I cani amici di Peppino (Fonte Facebook)

Basta poco nella vita. Facile a dirlo, molto più difficile attuarlo. E spesso a ricordarci alcuni concetti, detti in poche parole come quelle espresse poc’anzi, sono proprio i bambini. Non si finisce davvero di imparare da alcuni gesti. E uno di questi è quello di Peppino, bambino di 12 anni che vive a Vasto, comune della provincia di Chieti, in Abruzzo.

Peppino ha un grandissimo pregio, facile anche in questo caso a dirlo, ma molto più profondo nel pensarlo: ama in modo spropositato gli animali. Come detto poc’anzi è solo un bambino, ma ciò non conta molto. Si è già messo in mostra alla sola età di 12 anni per un gesto che ha fatto e continua a fare il giro d’Italia, e forse di tutte le scuole, dato che di questi tempi (coronavirus) ce n’è bisogno: ha donato i suoi soldi al canile di vasto per salvare i cuccioli abbandonati.

Un piccolo grane uomo potremmo definirlo. Uno che, a soli 12 anni, ha le idee molto chiare, da portare fino in fondo. Per il suo compleanno non ha chiesto né regali, né vestiti né altre cose simili. Ha chiesto dei soldi, e anche qui qualcuno potrebbe obiettare e dire la sua. Se non che, i soldi che ha chiesto, andranno dritti dritti a sostenere la campagna di sterilizzazione dell’associazione Amici di Zampa di Vasto. Magari col tempo diventerà anche un volontario, come spesso accade a tanti ragazzi.

Un gesto davvero straordinario che ha voluto esprimere lui stesso attraverso una lettera scritta, poi resa pubblica dai suoi genitori. Ecco il testo con il quale Peppino ha fatto vedere di che pasta è e vuole essere per il resto della sua vita: “Sono Peppino C. e sono un vero amante del mondo degli animali, soprattutto dei cani. Il cane – afferma il bambino – è il mio animale preferito fin da quando ero piccolo. Ma ora che sono più grande – e qui si nota la sensibilità di Peppino – capisco l’importanza del cane nella vita dell’uomo. Purtroppo, assieme ai miei genitori, non possiamo adottare un cane, quindi il mio affetto lo manifesto andando ogni tanto in canile. Ora che è arrivato il mio compleanno ho deciso di non avere regali, ma donerò tutti i soldi ricevuti al canile di Vasto per questo importante progetto”.

Magari col tempo diventerà anche un volontario, come spesso accade a tanti ragazzi che vogliono dare il proprio contributo a questa causa.

Davide Garritano