Home Video L’abbandono dal punto di vista di un cucciolo di gatto

L’abbandono dal punto di vista di un cucciolo di gatto

CONDIVIDI

abbandono

Quando si parla di abbandoni la prima immagine è quella di un cane smarrito che vaga lungo una strada desolata o trafficata, nell’indifferenza  di tutti. Raramente, si associa l’idea dell’abbandono a quella dei gatti, forse perché nel pensiero comune, si tratta di animali più indipendenti e quindi con maggiore possibilità di sopravvivenza.

Eppure i gatti sono tra le vittime più diffuse di azioni crudeli, come emerge dalla cronaca di ritrovamenti di cuccioli gettati nei cassonetti o uccisi per soffocamento nelle buste di plastica. Abitudini piuttosto comuni, collegate all’assenza di educazione e di sensibilità nei riguardi dei nostri compagni a 4zampe, per cui i gatti non vengono curati e basterebbe la loro sterilizzazione per evitare gli orrori.

Questo video pubblicato su Facebook è in realtà uno spot contro l’abbandono, con il quale s’invita le persone a non essere indifferenti a questo tema o al destino di piccole creature indifese.

Un filmato che mostra cosa significa per  un cucciolo l’abbandono in una grande città, i pericoli in cui incorrono questi dolci pelosi, le paure e il senso di smarrimento di piccoli esseri che, a poche settimane di vita, devono fare i conti con una realtà ostile.

Alla vigilia del periodo estivo, in cui aumenta il fenomeno degli abbandoni, riproponiamo queste poche immagini per ricordare a tutti l’importanza di proteggere i più indifesi.

Secondo i dati, si stima che ogni anno nel BelPaese vengono abbandonati 80 mila gatti. Un tema importante considerando che, in base al Rapporto Eurispes 2016  il 43,3% degli italiani hanno un animale, mentre due italiani su dieci ne avrebbero più di uno.Le preferenze sono sempre per i cani, presenti nel 60,8% delle famiglie seguito dal 49,3% dei gatti.