Home Video Quello che una madre farebbe per i suoi cuccioli…

Quello che una madre farebbe per i suoi cuccioli…

CONDIVIDI

Un video straordinario, ideale per il clima di feste prenatalizie, condiviso su youtube lo scorso 16 dicembre e che ha raccolto oltre 350 mila condivisioni. Siamo a Bangkok, in Thailandia, dove un passante regala un pezzo di carne ad una cagnolina randagia che sembra aver partorito da poco.

Anziché mangiarlo subito, la randagia ha preso il boccone e si è allontanata, andando in modo determinato e spedita in una precisa direzione.

Questo comportamento ha ovviamente incuriosito i testimoni e le persone che avevano offerto il pezzo di carne al cane, filmando tutta la scena. Ad un certo punto si pensa che in realtà il cane sia andato a nascondersi per mangiare ma in realtà, dopo aver attraversato quello che sembra un cimitero, sbuca in una specie di cortile. La randagia prima di proseguire a sua volta si gira per osservare quelle persone che l’avevano seguita, un po’ per capire se poteva fidarsi di loro. In un frangente di secondo, da una specie di garage, fuoriesce una bellissima cucciolata allegra che sentendo la presenza della madre è uscita allo scoperto, uscendo dal riparo.

La madre dal canto suo ha poi lasciato il bocconcino prelibato ai suoi cuccioli, poggiandolo delicatamente sul terreno. I cuccioli letteralmente impazziti non solo hanno fatto le feste alla madre, tra quelli più interessati al pezzetto di carne, ve ne erano altri che invece si sono diretti verso i visitatori che hanno accolto a suon di scodinzolata e piccoli balzi.

Una scena davvero imperdibile che ci mostra la devozione di una madre nei riguardi dei suoi cuccioli, portandoci a pensare agli orrori commessi nei confronti di questi piccoli esseri, troppe volte vittime di persone senza scrupoli che, indifferenti alla loro sofferenza e ai loro sentimenti, si liberano di cucciolate, gettandole nella spazzatura o li uccidono nei modi più crudeli.

Immagini che dovrebbero essere condivise per sensibilizzare l’opinione pubblica.