Home Video Terremoto, Nuova Zelanda: tre mucche intrappolate sulla cima di un terreno franato

Terremoto, Nuova Zelanda: tre mucche intrappolate sulla cima di un terreno franato

CONDIVIDI

mucche

Immagini impressionanti provenienti dalla Nuova Zelanda, colpita da un devastante terremoto di magnitudo 7.5, domenica scorsa 13 novembre.

Nelle campagne circostanti di Kaikoura, la terra è franata e tre mucche si sono salvate miracolosamente rimanendo sulla cima di un lembo di terra che non ha ceduto.

Dalle riprese aeree dei soccorritori si vedono dei frammenti del disastro provocato dal sisma e tra smottamenti di vario tipo che hanno ridisegnato la conformazione geologica di alcune aree, appare una scena surreale delle tre mucche rimaste isolate sul cucuzzolo.

L’immagine sconcertante dei tre esemplari ha catturato l’attenzione dei media e degli animalisti tra i quali un noto veterinario australiano, Chris Brown che ha condiviso una fotografie delle mucche intrappolate diventa vitale nel giro di poche ore.

Dagli aggiornamenti comunicati da Brown si apprende che le mucche sono state tratte in salvo: “Un gruppo di agricoltori e allevatori, armati di picconi e pale, hanno scavato per creare un sentiero per far scendere le mucche dal piccolo terrapieno dove erano rimaste intrappolate. Dopo diverse ore, le mucche sono state messe in salvo alla gioia di tutta la comunità”, ha reso noto il veterinario.

Il salvataggio di questi tre esemplari è diventato un simbolo della solidarietà umana colpita da una tragedia che ha unito i cittadini anche nel salvataggio degli animali, come negli ultimi terremoti che hanno devastato le località nel centro Italia. Su twitter e i social si sono susseguite le condivisioni del video delle mucche con gli appelli per salvarle.

Il proprietario delle mucche ha raccontato ai media che si trattava di una piccola mandria di quattordici esemplari. Queste tre mucche sono le uniche sopravvissute al sisma che ha provocato lo spostamento di tre metri del suolo e degli immobili presenti nella proprietà.

Ecco il video impressionante condiviso in rete e ripreso dalle testate di tutto il mondo!