Amorequattrozampe

I ragni “accordano” le ragnatele e percepiscono così la realtà

giovedì, 15 settembre 2016

ragno-ragnatela

La ragnatela è una sorta di protesi artificiale utilizzata dai ragni per la caccia e non solo: in pratica la continuazione dei loro organi di senso. La vibrazione delle corde fa si che l’aracnide percepisca informazioni circa la preda intrappolata, un potenziale partner o la solidità della tela. Tutto ciò è stato riscontrato due anni fa in uno studio condotto dalle università di Oxford e “Carlos III” di Madrid, ma adesso si è scoperto che i ragni sono anche in grado di “accordare” la loro ragnatela modificandone forma, spessore e tensione, esattamente come si fa con una chitarra od altri strumenti a corda.

La maggior parte dei ragni ha scarsa capacità visiva e sopperisce a questa mancanza sensoriale basandosi sull’amplificarsi di altre qualità naturali, percependo il mondo circostante tramite le oscillazioni della loro tela. Gli studiosi sono riusciti ad elaborare dei veri e propri modelli matematici sulla propagazione delle onde sonore derivate da queste oscillazioni, scoprendo che i ragni utilizzano la loro seta per controllare le ragnatele intessute e migliorarne le proprietà di percezione.

Addirittura possono modificare la direzione di propagazione delle vibrazioni e capire in quale punto esatto la loro preda viene avviluppata, proprio come se stessero osservando il tutto coi loro occhi pur essendo in pratica privi di una efficace percezione visiva.


Commenti