Home Non solo Cani e Gatti Allevare un Clamidosauro in casa è possibile? Il parere degli esperti

Allevare un Clamidosauro in casa è possibile? Il parere degli esperti

Allevare un Clamidosauro in casa: è possibile? Di cosa necessita questo piccolo rettile somigliante ad un dinosauro in miniatura? Scopriamolo.

clamidosauro
Allevare un clamidosauro. (Foto AdobeStock)

Prima di capire come è possibile allevare in casa un Clamidosauro, questo piccolo dinosauro, è opportuno imparare a conoscerlo meglio.

Saranno in tanti a chiedersi di che animale si tratti, il nome, in alcuni casi, almeno qualcosa vagamente dice, mentre, in questo caso davvero solo gli amanti del genere potranno capire di che animale parliamo.

Negli ultimi tempi, però, sono in tante le persone che si sono appassionate a questo rettile e si sono mossi per creare dei terrari dove ospitarlo.

Vediamo, quindi, come si può allevare un Clamidosauro in casa.

Clamidosauro: di che animale si tratta

Il Clamidosauro (Chlamydosaurus Kingii) prende il nome da questa sorta di “collare” di pelle che si chiama clamide.

clamidosauro
Come tenere un clamidosauro. (Foto AdobeStock)

Si tratta di un sottile lembo di pelle simile ad un merletto che gli contorna la testa ed i lati del collo.

Il Clamidosauro è un vero e proprio dinosauro in miniatura, si tratta di un rettile carnivoro della famiglia Agamidae.

È diffuso nell’Australia settentrionale e in Nuova Guinea allo stato selvatico. Predilige, quindi, un habitat umido caratterizzato dalla presenza di molta vegetazione.

Generalmente, il maschio misura circa 1 metro, le femmine in genere non superano i 70 cm e arrivano a pesare fino a 600 gr.

Occorre, però, specificare che il 50% della lunghezza totale dell’animale è costituito dalla coda.

Tuttavia, proprio grazie alle sue dimensioni ed il suo peso gli consentono di muoversi rapidamente sia a terra che sugli alberi.

Questo rettile è timido e facilmente stressabile, la sua indole è simile a quella di molti camaleonti e vanno maneggiati con cura.

Visto le sue caratteristiche fisiche, l’habitat e il comportamento si può allevare un clamidosauro in casa? Scopriamolo nel prossimo paragrafo.

Si può allevare un Clamidosauro in casa?

Con pazienza è possibile abituare il Clamidosauro alla vita in cattività, sempre se gli vengono messe a disposizione alcuni accessori indispensabili.

clamidosauro
Clamidosauro tra le foglie. (Foto AdobeStock)

Per allevare un Clamidosauro occorre avere un terrario di dimensioni molto grandi, minimo 180 cm x 90 cm x 120 cm (di altezza), arredato con piante e tronchi di dimensioni proporzionate agli animali.

Parte di questi tronchi devono essere posti anche verticalmente, in quanto i Clamidosauri amano rimanere aggrappati ai tronchi verticali con le zampe posteriori in sospensione.

Inoltre, il terrario deve avere numerosi nascondigli all’interno dei quali il Clamidosauro possa sentirsi al sicuro.

Ciò è necessario, in quanto il rettile ogni qual volta si sentirà minacciato o spaventato, se non dovesse trovare un nascondiglio sicuro, correrà all’impazzata sbattendo il muso contro le pareti del terrario.

Come substrato all’interno del terrario è bene evitare la ghiaia e sabbia che possono provocare ostruzioni intestinali, malauguratamente il Clamidosauro dovesse ingerirle.

Molto meglio predisporre sulla base del terrario il prato sintetico, facilmente disinfettabile, in alternativa il giornale.

Ciò che conta è che tutti i materiali di fondo devono essere lavati e disinfettati, oppure sostituiti, periodicamente.

Per poter vivere bene, nel terrario del Clamidosauro deve esserci una temperatura compresa fra i 26 ed i 36 °C, in estate. Durante la notte la temperatura può scendere fino a 15-20 °C.

Durante la stagione fredda, le temperature possono scendere fino a 20-24°C durante il giorno invernale, mentre durante la notte possono arrivare a circa 12-16 °C.

Temperature differenti da queste, inducono nel rettile uno stato di malessere portando nel Clamidosauro patologie più o meno gravi.

Quello che invece non dovete sottovalutare, è il mantenimento di questo rettile che è abbastanza dispendioso, sia a causa come abbiamo visto dell’alloggio, sia per il reperimento del cibo vivo.

Il Clamidosauro è un animale carnivoro, come infatti si nutre di: cicale, scarafaggi, termiti, ragni, altre lucertole, topi ma, anche farfalle e falene, le loro larve ancora di più.

Detto ciò, a voi la scelta, se proseguire con l’adozione di questo rettile al quanto particolare, tanto bello quanto dispendioso.