Home Curiosita Ape regina: cosa la differenzia dalle altre api e come viene scelta

Ape regina: cosa la differenzia dalle altre api e come viene scelta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:23
CONDIVIDI

L’ape regina è la madre di tutte le altre api, ma sapete qual è la differenza tra lei e le altre? Soprattutto sapete come viene scelta l’ape regina? Scopriamolo insieme.

ape regina
Ape regina: cosa la differenzia dalle altre api e come viene scelta (Foto Adobe Stock)

Le api da miele sono molto importanti per la Terra, in quanto impollinano la maggior parte delle piante da fiore tra cui le più importanti della coltura alimentare umana come i ciliegi e i mirtilli.

Ogni alveare ha la sua ape regina e sotto di lei ci sono molte altre api, tra cui le operaie e le api maschio chiamati fuchi. Ma vi siete mai chiesti cosa rende l’ape regina speciale rispetto le altre? E soprattutto come e quando viene scelta l’ape regina? Scopriamolo qui di seguito.

Ape regina: cosa la differenzia dalle altre api

api
Api: il loro alveare può essere un fastidio ma vanno preservate. (Foto Pixabay)

L’ape regina è l’ape più grande e più longeva, infatti può vivere fino a sei anni, mentre le api operaie possono vivere fino a 30-40 giorni. L’ape regina è l’unica ape femmina capace di procreare api femmine, depone le uova tutto il giorno per creare altre generazioni di api. Mentre le api operaie costruiscono e proteggono l’alveare e battendo le loro ali mantengono al suo interno l’aria pulita.

Le api maschio, chiamati fuchi, invece hanno una vita facile, in quanto mangiano e si accoppiano con l’ape regina. Molti fuchi vivono nell’alveare durante la primavera e l’estate, ma non appena si accoppiano con la regina muoiono e prima che arrivi l’inverno vengono cacciate dalle api operaie.

Le api giovani vengono nutrite per i primi 3 giorni di vita con la pappa reale, una secrezione prodotta dalle ghiandole salivari delle api. Successivamente solo l’ape regina continua ad alimentarsi con la pappa reale mentre le api operaie si nutrono di polline e nettare dei fiori.

Ape regina: come e quando viene scelta dalle altre api

Come fanno le api a produrre il miele
Come fanno le api a produrre il miele (Foto Pixabay)

Ci sono tre situazioni in cui le api “decidono” di ”nominare” una nuova regina:

  1. Quando sentono che la loro regina esistente sta diventando vecchia e non può procreare, e vogliono sostituirla con una nuova regina.
  2. Quando la regina è scomparsa, è morta o si è allontanata dall’alveare.
  3. Quando le api “decidono” di sciamare, cioè prendono un alveare e lo dividono in due.

Qualsiasi sia la situazione, le api scelgono le uova femminili (apparentemente a caso) e le riposizionano in cellule più grandi, chiamate cellule regina. Le larve regine vengono alimentate con la pappa reale in modo tale che maturino più velocemente e diventino regine. Le cellule vengono poi coperte, le larve creano le pupe e si trasformano in regine.

La prima regina vergine che emerge comunica con le altre attraverso le tubazioni, emette un suono chiamato ”tooting” e le sorelle rispondono con un altro suono chiamato ”quacking”. In seguito la regina vergine va cella per cella e uccide le altre.

Dopodiché la nuova regina delle api deve maturare nell’alveare per alcuni giorni, fare alcuni voli di prova per conoscere la posizione dell’alveare, e poi un volo nella più vicina area di congregazione dei fuchi per accoppiarsi. Al ritorno all’alveare, ciò che succede varia a seconda del motivo per cui la regina è stata creata.

Se è stato a scopo di sciamare, la regina se ne andrà con metà delle api operaie. Troveranno un nuovo posto dove creare l’alveare e la regina inizierà a deporre le uova. Se la vecchia regina è scomparsa o morta, allora le api hanno una nuova regina e un motivo per festeggiare in quanto l’alveare è stato salvato. Se la vecchia regina stava diventando troppo vecchia per procreare, la nuova regina e / o le api operaie potrebbero decidere di ucciderla. In alternativa, la nuova regina e la vecchia regina possono vivere in armonia per un po’ di tempo.

Potrebbe interessarti anche:

M.D.