Home Non solo Cani e Gatti Come diventare pet sitter: consigli, indicazioni, accorgimenti

Come diventare pet sitter: consigli, indicazioni, accorgimenti

Vi piacerebbe svolgere un lavoro a contatto con i quattro zampe? Ecco le linee guida da seguire per diventare pet sitter.

Pet sitter
(Foto Canva)

Il pet sitter è una figura incaricata della gestione e della cura dei pelosetti, in assenza dei loro proprietari. Si tratta di un impiego perfetto per chi ama gli animali, poiché è basato sull’interazione con i quattro zampe e consente di dedicarsi ai loro bisogni. Come diventare pet sitter? Scopriamo tutto quello che c’è da sapere a riguardo.

Pet sitter: chi è e cosa fa

Il pet sitter è la persona a cui i proprietari degli animali domestici affidano i propri pelosetti in occasione di viaggi e trasferte, laddove non sia possibile portarli con sé.

Pet sitter
(Foto Canva)

Spetterà a questa figura, dunque, prendersi cura dei quattro zampe, provvedendo a somministrare loro la pappa, a farli giocare, a portarli a passeggio, a pulirli e così via.

È importante, quindi, che il pet sitter conosca la comunicazione animale e sappia come interagire con cani, gatti e altri pet.

Inoltre, è essenziale che questa figura disponga delle nozioni basilari di benessere animale.

Infatti, qualora il quattro zampe manifesti sintomi di malessere in assenza del suo proprietario, ricadrà sul pet sitter il compito di soccorrerlo e portarlo dal veterinario.

Potrebbe interessarti anche: Come diventare veterinario: percorso di studio, consigli, informazioni

Come diventare pet sitter

Come si diventa pet sitter? In realtà, non esiste un percorso di formazione specifico per poter svolgere questa mansione.

Per tale motivo, si tratta di un impiego perfetto per gli studenti che desiderano arrotondare, e più in generale per tutti coloro che amano gli animali e sono alla ricerca di un lavoretto da affiancare alla loro professione principale.

Potrebbe interessarti anche: Come diventare educatore cinofilo: info, corsi e consigli da seguire

L’importante, come detto, è conoscere bene i quattro zampe, il modo in cui comunicano e le loro necessità.

Per questo, l’ideale sarebbe possedere o aver posseduto un pet. Altre esperienze utili sono il volontariato presso canili, gattili e rifugi per animali abbandonati.

Come trovare i propri clienti? All’inizio può non essere semplice: queste figure, infatti, spesso vengono trovate grazie al passaparola e alle recensioni positive.

È più che comprensibile: nessun proprietario di cani, gatti o altri animali affiderebbe il proprio pelosetto a un completo estraneo, privo di referenze.

🐾💖 SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE | TWITTER 🐶🐱

Per questo, il miglior consiglio è cominciare a pubblicare degli annunci e rivolgersi ai propri amici, parenti e conoscenti.

Tra loro ci sarà certamente qualcuno che avrà bisogno di questa figura e vi darà fiducia per iniziare. Un buon consiglio consiste nella creazione di un sito web o di una pagina social in cui scrivere le vostre esperienze e i servizi che mettete a disposizione.

Questo vi aiuterà a farvi conoscere, potenziando le vostre competenze e ispirando affidabilità e sicurezza nelle persone.