Home Non solo Cani e Gatti Come trasportare un drago barbuto: i passaggi più importanti

Come trasportare un drago barbuto: i passaggi più importanti

Devi portare il tuo drago barbuto dal veterinario ma non sai come trasportarlo? Ecco come trasportare un drago barbuto in modo sicuro.

come trasportare il drago barbuto
(Foto Adobe Stock)

Adottare un animale domestico, come il drago barbuto, significa sapere non solo di cosa abbia bisogno l’animale ma anche come poterlo trasportare nel momento del bisogno.

Infatti può capitare nel corso della vita di dover portare il proprio animale domestico o dal veterinario o in vacanza con noi. In questo articolo vedremo come trasportare un drago barbuto.

Come portare il drago barbuto dal veterinario

Il drago barbuto proprio come ogni altro tipo di animale domestico, ha bisogno di essere portato periodicamente dal veterinario.

drago barbuto
(Foto Pixabay)

Per questo motivo è importante essere a conoscenza del modo migliore per trasportarlo. L’attrezzo migliore per portare con sé il proprio rettile, è il traportino del gatto.

È consigliato acquistare un trasportino in plastica costituito di grate di ventilazione, in quanto è più sicuro ed è facile da pulire. Inoltre non è consigliato il trasportino trasparente su tutti i lati in quanto potrebbe causare stress nel drago barbuto ed ha scarsa ventilazione.

È molto importante prendere il trasportino per il rettile qualche settimane prima che l’animale deve andare dal veterinario, in modo tale da abituare il drago barbuto all’oggetto.

Prima di abituare il rettile all’utilizzo del trasportino, mettete all’interno di quest’ultimo un foglio di giornale o un asciugamano.

Dopodiché, ponete il drago barbuto nel trasportino ed inserite un po’ di cibo, provate a mettere quello che piace di più al vostro rettile. Scegliete una prelibatezza compresa nell’alimentazione del vostro drago barbuto.

Lasciando la porticina del trasportino aperta e ponendovi dinanzi a quest’ultimo, aspettate la reazione del vostro rettile, se prova ad uscire non fermatelo e non costringetelo a restare in quello spazio.

Inizialmente, è necessario abituare l’animale un po’ alla volta, con sessioni di 2 minuti massimo. Dopodiché quando vi accorgete che il vostro rettile si trova a suo agio, potete iniziare a chiudere la porticina del trasportino.

Se il drago barbuto assocerà il trasportino a qualcosa di positivo, ossia il suo cibo preferito, entrerà al suo interno senza alcun problema. Una volta che il vostro amato rettile si sia abituato al trasportino, potete portarlo con voi anche in vacanza.

Potrebbe interessarti anche: Allevare una lucertola: come prendersi cura di questo rettile in casa

Portare con sé il drago barbuto: a cosa fare attenzione

Avete deciso di portare il drago barbuto con voi in vacanza?

trasportino per criceti
(Foto Adobe Stock)

Dovete fare attenzione ad alcuni punti:

  • Non lasciare mai il drago barbuto in auto con i finestrini chiusi, in quanto, nonostante ami il calore, anche il rettile potrebbe surriscaldarsi;
  • Se vi trovate all’aperto, pensateci due volte prima di far uscire il drago barbuto dal trasportino, in quanto l’erba dove cammina potrebbe contenere pesticidi e creare danni di salute al rettile;
  • Se vi trovate in un albergo o qualsiasi ambiente dove la pulizia non è vostra competenza, sarebbe opportuno non far uscire il drago barbuto dal trasportino, in quanto prodotti chimici utilizzati per il pavimento potrebbero essere pericolosi per il rettile;
  • Portate sempre con voi il cibo e l’acqua con le rispettive ciotole del terrario, in quanto il rettile potrebbe non mangiare e non bere se sente odori diversi.

Potrebbe interessarti anche: Rettili da allevare in casa: tutti i consigli per il neo terrarista

Infine è importante pulire sempre il trasportino, quindi sostituite il giornale, nel caso in cui abbiate coperto il fondo del trasportino con quest’ultimo, o sostituite l’asciugamano se avete utilizzato quest’ultimo.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Marianna Durante