Home Non solo Cani e Gatti La pododermatite nel cane della prateria: causa, sintomi e cura

La pododermatite nel cane della prateria: causa, sintomi e cura

La pododermatite nel cane della prateria è l’irritazione della pelle dell’animale che avviene con l’infiammazione del piede.

cane della prateria
(Foto AdobeStock)

Al giorno d’oggi nelle case di tutto il mondo non è raro trovare un cane della prateria. Non lasciatevi ingannare dal nome poiché non si tratta affatto di un cagnolino.

Il cane della prateria è un mammifero appartenente all’ordine dei Roditori e alla famiglia Sciuridae, per capirci è della stessa famiglia delle marmotte.

Tuttavia questo roditore deve il nome ad un suono, simile a un latrato, che emette in caso di pericolo. È originario dell’America settentrionale, e pertanto in Europa non esiste in forma libera.

Mentre la sua diffusione in cattività riguarda gli USA e l’Europa. In Italia, addirittura, esiste un’associazione di volontariato specificamente dedicata a fornire gratuitamente tutte le informazioni utili alla corretta tenuta di questi animali ma anche per imparare a conoscere tutto ciò che riguarda l’alimentazione e la salute.

In questo articolo, oggi, in particolare andremo a parlare della pododermatite nel cane della prateria, di quali le cause, i sintomi e il trattamento.

Cause della pododermatite nel cane della prateria

La causa dello sviluppo di pododermatite nel cane della prateria, in particolare quelli tenuti in cattività, poiché vivono su pavimenti ruvidi o in gabbie metalliche, è quasi sempre la presenza di batteri Staphylococcus aureus.

Questi batteri sono presenti nell’ambiente e si fanno avanti nel momento in cui l’animale presenta ferite aperte o graffi.

Perciò per prevenire lo sviluppo di pododermatite nel cane della prateria e ad aiutare in un rapido recupero, pulire e medicare regolarmente eventuali ferite o piaghe sul corpo dell’animale.

Potrebbe interessarti anche: Il cane della prateria può vivere in casa? Conosciamo questo roditore

Sintomi

I sintomi che possono riguardare la pododermatite nel cane della prateria sono diversi.

cane della prateria morde la gabbia
(Foto AdobeStock)

Ecco i segnali evidenti di pododermatite nel cane della prateria:

  • abrasioni cutanee;
  • articolazioni gonfie;
  • infiammazione del piede;
  • linfonodi ingrossati;
  • piaghe piene di pus sul piede.

Attenzione a non trascurare la malattie dell’animale, in quanto può arrivare anche alla morte, poiché l’infezione può propagarsi per via sistemica provocando una pericolosa setticemia.

Potrebbe interessarti anche: Dove vive il cane della prateria? Qual è il suo habitat naturale?

Diagnosi e trattamento della pododermatite nel cane della prateria

Il veterinario per procedere con una diagnosi corretta, dovrà eseguire dei test idonei quali:

esame del sangue che hanno la capacità di individuare l’agente eziologico.

Stabilita la diagnosi di pododermatite nel cane della prateria, il veterinario potrà procedere con la cura adeguata che prevede:

  • pomate antibiotiche per aiutare a guarire i piedi;
  • soluzione disinfettante calda come la clorexidina o il dimetilsolfossido (dove immergere i piedi);
  • farmaci antidolorifici (casi gravi).

Tutto questo è possibile evitarlo se la pododermatite nel cane della prateria viene rilevate in modo precoce e intervenendo subito sugli accorgimenti da effettuare per aiutare il nostro piccolo roditore, ad esempio:

  • cambiare la lettiera con materiale più morbido;
  • disinfettare eventuali ferite;
  • tagliare i peli intorno alle aree interessate;
  • tagliare le unghie troppo cresciute.

È bene fare periodicamente un esame delle feci per verificare la presenza di parassiti intestinali.

Inoltre gli esperti consigliano di tenere il roditore il più a lungo possibile libero, in quanto la gabbia costituisce per il cane della prateria un grande stress.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Ettore D’Andrea