Home Non solo Cani e Gatti Il coniglio non muove più le orecchie e altre parti del viso

Il coniglio non muove più le orecchie e altre parti del viso

Il coniglio non muove più le orecchie e altre parti del viso. Cosa gli sta succedendo? Quando e come intervenire ? Scopriamolo insieme.

coniglio non muove orecchie
Il coniglio non muove più le orecchie. (Foto AdobeStock)

Se il coniglio non muove più le orecchie e altre parti del corpo, nella maggior parte dei casi si è verificato in esso una paresi e paralisi del nervo facciale.

Si tratta di un disturbo del nervo cranico facciale, un nervo che ha origine nel cervello che quando non funziona bene causa paralisi o debolezza dei muscoli delle orecchie, delle palpebre, delle labbra e delle narici, incapacità di muovere gli occhi e i muscoli facciali.

Inoltre, può comportare una diminuzione della secrezione di lacrime, generando conseguentemente un’ulteriore patologia degli occhi.

Vediamo quando è il caso di preoccuparsi e come intervenire per aiutare il vostro animale domestico.

Perché il coniglio non muove più le orecchie e altri parti del viso?

Le ragioni per cui il coniglio non muove più le orecchie e altre parti del viso, possono essere diverse:

  • avvelenamento da botulismo;
  • frattura delle ossa circostanti o lesione diretta al nervo facciale;
  • infezione dell’orecchio medio o esterno;
  • ascessi dei denti;
  • infiammazione del nervo direttamente dovuta a un’infezione batterica;
  • tumore al cervello.

Quali sono gli altri segnali di malessere?

Quando il coniglio non muove più le orecchie ed insieme ad esse anche alcune parti del viso.

coniglio
Coniglio dal veterinario. (Foto AdobeStock)

Questi non sono gli unici segnali di malessere che si individuano.

Come infatti, osservando bene l’animale si potranno identificare altri sintomi, che sono:

  • orecchio e labbro cadenti su un lato;
  • dolore quando apre la bocca;
  • tessuto bianco, opaco, opaco e rigonfio all’interno dell’orecchio;
  • testa inclinata;
  • storia di infezioni dell’orecchio, in particolare infezioni vestibolari (o dell’orecchio interno);
  • sbavature eccessive;
  • non trattiene il cibo in bocca;
  • viso che appare irregolare;
  • sfregamento degli occhi del coniglio;
  • cornea torbida;
  • secrezione oculare;
  • arrossamento degli occhi;
  • incapacità nel chiudere le palpebre in modo simmetrico;
  • collasso della narice;
  • secrezione nasale;
  • difficoltà a camminare o mantenere l’equilibrio.

Potrebbe interessarti anche:Malattie comuni nel coniglio: 5 patologie che possono colpire il nostro mammifero

Come cura il coniglio colpito da paralisi

Se osservando il coniglio notate uno o più di questi segnali di malessere, precedentemente elencati, occorre trasportarlo dal veterinario.

coniglio a visita
Coniglio a visita dal veterinario. (Foto AdobeStock)

La condizione in cui il coniglio non muove più le orecchie e altre parti del corpo già potrebbe bastare a farvi capire che qualcosa nell’animaletto non va.

La paralisi facciale è un’avvisaglia piuttosto seria che va diagnosticata quanto prima dal veterinario che segue il vostro coniglietto per le visite di routine e le vaccinazioni.

Il suddetto veterinario procederà con la diagnosi differenziale, ovvero un controllo più approfondito degli apparenti sintomi esteriori ed escludendo man mano ciascuna delle cause più comuni.

Questo processo porterà via via a scoprire il disturbo corretto per poi trattarlo nel modo opportuno.

Nel frattempo per arrivare a ciò, eseguirà:

  • radiografie dell’orecchio e delle ossa del cranio;
  • tomografia computerizzata (TC) per consentire una migliore visualizzazione della struttura interna delle orecchie e del cranio;
  • profilo sanguigno completo;
  • profilo sanguigno chimico;
  • emocromo completo;
  • analisi delle urine.

Laddove il problema dovesse essere di origine neurologica, preleverà un campione di liquido cerebrospinale (CSF) per l’analisi per identificare la malattia del tronco cerebrale.

ln generale, il trattamento consiste in:

  • risciacquare e pulire l’orecchio o le orecchie del coniglio, con una soluzione detergente;
  • tamponare con un batuffolo di cotone;
  • aspirare eventuali detriti dall’orecchio;
  • utilizzare lacrime artificiali per evitare che gli occhi si secchino.

In altri casi, quelli più gravi, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico.

Durante tutto il trattamento il coniglio dovrà mantenere il suo peso e il suo stato nutrizionale.

Per tale motivo dovrete incoraggiare l’animale ad assumere liquidi per via orale offrendogli acqua fresca, bagnando verdure a foglia o aromatizzando l’acqua in modo da ingolosirlo.

Insieme, poi a tanti liquidi, dovrete continuare a somministrare la solita dieta al coniglio.

Laddove il coniglio dovesse mostrarsi oppositivo e rifiutare il cibo, sarà necessario utilizzare una siringa per alimentarlo fino a quando non potrà mangiare di nuovo da solo.

La paralisi facciale nel coniglio è solitamente permanente, al massimo con il trattamento si può ridurre la simmetria facciale.

Tuttavia, la maggior parte dei conigli riesce a convivere bene con questa condizione che si viene a creare e a svolgere in serenità tutte le attività, adattandosi.